Pestaggio brutale: 16enne sadica ride e urla mentre tortura a morte un dottore nel parco

picchiato con brutalità

Il dottor Gary Jenkins, padre di due figli 54enne, ha riportato ferite mortali per mano di un trio di giovanissimi ed è deceduto settimane dopo l’attacco a Bute Park, Cardiff

Ha lottato con tutte le sue forze ma alla fine il suo corpo ha ceduto. Si è spento due settimane dopo un brutale attacco avvenuto in un parco inglese, il dottore Gary Jenkins. 54 anni, padre di due figli, l’uomo è stato “picchiato e derubato” da due uomini e da un’adolescente che “hanno riso mentre lo torturavano a morte” secondo quanto emerso nel corso del processo per omicidio. I fatti risalgono al 20 luglio del 2020 e sono avvenuti a Bute Park, nella città gallese di Cardiff: Gary ha riportato ferite mortali e nonostante il ricovero e tutti i tentativi dei medici di tenerlo in vita, è in seguito deceduto per una grave lesione cerebrale all’ospedale universitario del Galles. I familiari lo hanno descritto come un “amorevole padre, marito e fratello”: ad ucciderlo sono stati Jason Edwards, 25 anni e Lee William Strickland di 36 anni, entrambi di Cardiff, insieme ad una ragazza allora 16enne e che  oggi ha 17 anni la cui identità non è stata resa nota per ragioni legali.

LEGGI ANCHE =>> Svolta nell’;omicidio di Natale: 39enne arrestato per l’assassinio di un uomo nella sua baracca

I tre sono sotto processo al Merthyr Tydfil Crown Court e hanno tutti negato le accuse di omicidio. L’adolescente è stata descritta come “malvagia e sadica” da un testimone, per come si è comportata durante l’attacco, che si ritiene potesse essere a sfondo omofobo dato che secondo quanto riferito da Sun Online il 54enne era probabilmente bisessuale. Edwards di Litchfield Court, Riverside e Strickland, senza fissa dimora hanno ammesso insieme alla 17enne l’accusa di omicidio colposo, rapina e aggressione che ha provocato lesioni personli reali. Ma il pm Dafydd Enoch, in avvio di processo martedì scorso, ha affermato che l’omicidio è stato motivato da “avidità, omofobia e una simpatia per la violenza”.

L’agghiacciante ricostruzione del delitto

Aggiungendo: “La vittima ha incontrato i tratti peggiori dell’umanità e per questo ha perso la vita”. Jenkins era uno psicologo consulente che viveva a lavorava a Cardiff: “Il 20 luglio dello scorso anno nelle prime ore del mattino era a Bute Park dove è stato brutalmente picchiato, derubato, torturato e dato per morto da questi tre imputati. L’attacco agghiacciante è stato registrato da una telecamera a circuito chiuso nelle vicinanze e si può sentire gridare “soldi” a squarciagola”. Nel filmato si sente il dottore supplicare i ragazzi di smettere fin quando non riesce più a parlare a causa dei colpi ricevuti, mentre si sente il trio urlare “si, ne avevo bisogno”. “Era rumorosa e sicura di sé e rideva durante l’attacco. Era una tortura, pura e semplice” ha aggiunto il pm sulla 17enne aggiungendo che quando un testimone è intervenuto per fermare l’attacco lei ha detto “sono una ragazza”, come se fosse lei stessa la vittima. “Ma non è una normale sedicenne”, il testimone l’ha descritta come “terribilmente malvagia e sadica”. I tre rischiano una pesantissima condanna.