È il lago più trasparente al mondo ma non si può nuotare nelle sue acque: il divieto per una precisa ragione

il motivo del divieto

Si chiama Blue Lake, si trova in Nuova Zelanda ed è considerato lo specchio d’acqua più cristallino al mondo, sacro ai Maori. Qui la balneazione non è consentita

Si trova tra i paesaggi incontaminati e remoti del Parco nazionale dei laghi Nelson in Nuova Zelanda e vedendolo verrebbe voglia di tuffarsi nelle sue acque e farsi una nuotata, ma ciò non è possibile. Stiamo parlando di quello che viene considerato il lago più trasparente al mondo, alimentato dall’acqua sorgiva di un vicino specchio d’acqua che gocciola giù dalle rocce: si chiama lago Blu o “Rotomairewhenua” ed è di fatto considerato un lago sacro per i Maori, quindi nessuno vi può accedere nè tantomeno farsi un bagno. E anche realizzare fotografie non è per nulla semplice: con la collaborazione del Dipartimento per la conservazione del paese, Niwa, Tourism New Zealand e dei rappresentanti dei Maori locali, il fotografo professionista Klaus Thymann è stato uno dei pochi a potersi avvicinare al lago più limpido del mondo e fotografarlo, questo perchè possa essere conservato e preservato senza che il turismo rischi di danneggiarlo in maniera irreparabile. Il fotografo non si è limitato alla sola superficie ma anche effettuato un’immersione fotografica per catturare i suoi meravigliosi fondali e le straordinarie qualità del lago nel rispetto della sua natura fragile.

LEGGI ANCHE =>> Aperto il tunnel autostradale subacqueo più lungo della Cina: attraversa il lago Tuihu per 10 chilometri

Il Blue Lake si trova nell’isola del Sud della Nuova Zelanda, è relativamente piccolo e la sua è quasi certamente l’acqua più limpida ed incontaminata del mondo. La sua limpidezza è paragonabile a quella dell’acqua distillata e si possono scorgere i suoi fondali anche da decine di metri di distanza. Nessuno può entrarvi: solo Klaus ha ottenuto un permesso speciale per regalare al mondo una serie di incredibili scatti che mostrano le incredibili sfumature viola e blu che è possibile osservare solo nelle acque naturali più limpide. Questo è possibile grazie ad una sorta di filtro, una diga naturale formata dai detriti delle frante posti tra la sorgente e il Blue Lake e che bloccano la quasi totalità delle particelle sospese nell’acqua, conferendogli la sua straordinaria colorazione.

Come raggiungere il Blue Lake

Ad oggi ci si può avvicinare al lago ma con la principale restrizione di non immergere alcuna parte del corpo o oggetto in acqua e ci sono regole per l’ingresso nel parco: chi non le rispetta viene immediatamente multato. Ma raggiungerlo non è semplice: via terra bisogna fare un’escursione di due giorni dall’ingresso del parco, in alternativa è possibile salire a bordo di un elicottero per raggiungerlo rapidamente. Il momento migliore per vedere questa meraviglia della natura è in tarda primavera, estate e autunno. L’inverno e l’inizio della primavera dovrebbero essere evitati in quanto potreste trovare una crosta ghiacciata sparsa sul lago