34enne dà fuoco alla casa uccidendo la madre: “Sentivo una voce che mi incoraggiava a farlo”

bruciata viva

Un 34enne ha negato di aver ucciso la madre di 64 anni ma è stato dichiarato colpevole da una giuria dopo quattro giorni di valutazione di indizi e prove in tribunale

Un uomo è stato condannato all’ergastolo dopo aver ucciso la madre lanciandola benzina addosso e appiccanto deliberatamente un incendio in casa, e nel corso del processo a suo carico è emerso che aveva pensieri regolari sull’uccisione della donna. L’assassino è il 34enne Mark See, il quale ha negato di aver ucciso la madre Sandra See di 63 anni ma è stato dichiarato colpevole da una giuria dopo attenta valutazione delle prove. L’incendio è scoppiato nelle prime ore del 13 luglio nella casa che condividevano su Darras Road a Gorgon. Il 34enne aveva bevuto whisky e coca per tutta la sera: avrebbe afferrato una bottiglia di latte di plastica piena di benzina dopo aver discusso con la madre. I pm hanno sottolineato che le avrebbe lanciato benzina addosso prima di appiccare un incendio dopo una “discussione furiosa ed in preda ai fumi dell’alcol”.

LEGGI ANCHE =>> Assolda due criminali per terrorizzare la moglie ma ne uccide uno: il re dell’oasi di serenità è accusato di omicidio

See e la sua ragazza Nathalie Hughes sono riusciti a scappare ma Sandra See è morta tra le fiamme. Il 34enne si è poi allontanato con il furgone da lavoro mentre la Hughes, incintam è rimasta e ha chiamato il 999. See è stato trovato 16 ore dopo in un cimitero vicino all’aeroporto di Manchester disteso in posizione fetale e con ustioni a mani e piedi. Il corpo della madre è stato descritto “incenerito” ed è stata identificata grazie ad una placca di metallo nella gamba. Il 34enne è rimasto in ospedale per circa due settimane. Ha sentito per caso le notizie alla radio su un incendio mortale in una casa a Gorton, ma non si è reso conto che il presentatore stesse parlando di lui. Mentre si riprendeva nell’unità ustioni, See ha fatto alcuni commenti inquietanti: ha detto a un’infermiera che in precedenza aveva pensato di uccidere sua madre in un incendio in casa. Come riferito in tribunale, avrebbe avuto “pensieri terribili” mentre si sentiva giù, pensando di ferire se stesso e gli altri, principalmente sua madre.

Il 34enne nega di aver voluto uccidere la madre

“Ha avuto pensieri precedenti e regolari di uccidere sua madre in un incendio in casa”, è stato detto alla giuria. “Ha detto di aver sentito una voce che lo incoraggiava a farlo. In seguito avrebbe cercato di spiegarli come commenti fatti mentre “cercava di dare un senso” a ciò che era successo”. See ha detto alla giuria che l’incendio è stato un incidente e ha negato di voler fare del male a sua madre. Ha affermato di aver raccolto il cartone del latte, che usava per conservare la benzina per un tosaerba, per spaventare sua madre facendogli pensare che avrebbe fatto “qualcosa di stupido” a se stesso. Stavano litigando sul ruolo della signora Hughes come badante della signora See, quando sua madre si è rivolta a lui e ha detto che voleva che se ne andasse. Ha aggiunto che la bottiglia ha preso fuoco quando ha acceso una sigaretta e istintivamente l’ha lanciata per terra, provocando l’incendio catastrofico. Ha detto che ha cercato di salvare sua madre, ma è dovuto fuggire dopo che le fiamme sono diventate troppo forti. Il procuratore Francis FitzGibbon QC ha detto ai giurati durante il processo: “Una volta che avrete ascoltato le prove sarete sicuri che il signor See ha ucciso sua madre dandole deliberatamente fuoco con la benzina”.