Ambulanza con ferito a bordo va fuori strada e si schianta contro un albero: morto soccorritore del 118

ambulanza fuori strada

Forse a causa di un malore del conducente un mezzo del 118 è finito fuori strada terminando la sua corsa contro un albero. A bordo c’era anche un ferito soccorso poco prima

Tremendo incidente stradale quello avvenuto nel pomeriggio del 18 febbraio nel territorio di Talamello, piccolo comune della provincia di Rimini, in Emilia Romagna. Un sinistro gravissimo che ha coinvolto un’ambulanza, andata a schiantarsi contro un albero lungo la strada che porta in paese, via degli Archi: il veicolo, secondo quanto accertato, era guidato da un 51enne, autista del 118, che nel violento impatto ha perso la vita. Ma stando ai primi accertamenti l’uomo potrebbe essere stato colto da un malore e questo andrebbe a spiegare come il veicolo sia potuto uscire di strada su un tratto in rettilineo. Sul posto sono intervenute altre ambulanze e anche l’elisoccorso da Bologna per tentare di salvargli la vita ma purtroppo non c’è stato nulla da fare.

ambulanza

LEGGI ANCHE =>> Ancora una tragedia in strada: muore una 17enne in un incidente. Feriti gli altri quattro suoi amici

Nello schianto il 51enne ha battuto la testa

Stando alla ricostruzione dei fatti l’ambulanza era intervenuta in seguito ad un incidente avvenuto poco dopo le 16 a poca distanza, dove un veicolo era finito fuori strada. Il 51enne, sull’ambulanza era presente anche il ferito 55enne, avrebbe battuto la testa nell’impatto mentre si stava dirigendo verso l’ospedale di Novafeltria. Con lui era presente una collega, la prima a tentare di rianimarlo subito dopo l’incidente, l’ambulanza ha terminato la sua corsa contro un albero, ma purtroppo senza riuscirci. Il cuore dell’autista non ha ripreso a battere: la collega è stata portata in ospedale insieme al ferito mentre le forze dell’ordine hanno chiuso il tratto stradale temporaneamente per poter effettuare tutti i rilievi del caso (sul posto sono intervenuti vigili del fuoco e carabinieri di Novafeltria). A poche decine di metri dal luogo dell’incidente sono presenti alcune case, solo per un soffio si è dunque evitato un epilogo ancor peggiore.