Il lavoro dei sogni: 26enne pagato per guardare i Simpson e mangiare ciambelle

Coronavirus, I Simpson aveva previsto la diffusione del virus

Quello che in tanti fanno nella loro quotidianità è per un 26enne un vero e proprio lavoro retribuito: Alexander viene pagato per guardare i Simpson e mangiare snack

Guardare decine di puntate dei Simpson ‘rilassandosi’ mangiando snack e venire pagati per farlo. Può sembrare utopia ma è ciò di cui si occupa, per lavoro, Alexander Townley, un 26enne inglese di Nottingham la cui attività è più unica che rara. Il ragazzo fa ciò che è comune a tanti giovani, magari dopo la scuola o il lavoro oppure per rilassarsi durante il week-end, ma per lui è un’attività lavorativa e riceve denaro per guardare la celebre serie ideata da Matt Groening che racconta le vicissitudini di una tipica famiglia americana della classe media. Il ragazzo non deve soltanto guardare gli episodi, che ad oggi sono ben 717, ma anche analizzarli e può mangiare ciambelle vegane, dal momento che gli è stata inviata una maxi fornitura gratuita che rientra negli accordi di lavoro.

 

LEGGI ANCHE =>> Ragazza gelosa obbliga il fidanzato a rimanere al telefono durante i turni di 12 ore al lavoro

Deve guardare 717 episodi: quanti soldi riceverà

Il lavoro dovrà essere svolto nell’arco di un anno, come riferito dal Mirror: per questa occupazione riceverà un compenso di 5000 dollari. È stato suo fratello a notare il particolare annuncio e suggerirgli di candidarsi: “Sono un vero della serie, è il lavoro dei miei sogni – ha spiegato il giovane – devo analizzare ogni episodio come un critico, e ogni settimana ricevo ciambelle vegane gratis. I Simpson mi piacciono da sempre, sono il riflesso della società e ironizzano sui suoi stereotipi. Devo scrivere ogni piccolo dettaglio, ad esempio la frase che scrive Bart sulla lavagna o la scenetta della famiglia davanti alla tv nella sigla, cose che cambiano ogni volta. Ci sono state settimane in cui ho guardato fino a 30 episodi al giorno, e vi assicuro che è mentalmente stancante”. Chiaramente, dato il compenso, il giovane deve anche svolgere un altro lavoro, ovvero supervisor in un bar: impiegando tutto il suo tempo libero nel ‘secondo lavoro’.