Bimbo di 9 anni segue sul web le istruzioni per imbarcarsi senza biglietto e vola per 2.600 km

ha soltanto 9 anni

Un bimbo di 9 anni ha cercato su Google, ‘come salire su un aereo senza essere visto’: si è imbarcato da solo e senza biglietto e ha volato per 2.600 km raggiungendo alcuni parenti

Da “Mamma ho perso l’aereo” a “Mamma ho preso l’aereo”. Si potrebbe sintetizzare così la bizzarra storia che arriva dal Brasile e che riguarda un bambino che ha fatto passare ai suoi genitori alcune ore da incubo. Il piccolo di 9 anni un bel giorno è fuggito di casa all’improvviso e senza lasciare alcun messaggio: sembrava davvero essere sparito nel nulla gettando i genitori nel panico più totale fino a quando in serata la madre ha ricevuto una telefonata dalle autorità per spiegarle che il bambino era riuscito, da solo, a raggiungere l’altra parte del paese in aereo e che in quel momento si trovava da alcuni parenti. Come? Lo ha spiegato lui stesso prima alle forze dell’ordine e poi ai genitori: Emanuel, questo è il suo nome, ha seguito alcune istruzioni trovate sul web per imbarcarsi in aereo senza biglietto e volare da Manaus, dove vive con la famiglia, fino a Garulhos, nello stato costiero di San Paolo, nel sud est del Paese. In pratica, come riportato dal Sun, ha percorso 2600 chilometri da solo e senza il relativo biglietto e ci sarebbe riuscito semplicemente digitando su Google “come salire su un aereo senza essere visto”.

LEGGI ANCHE =>> Passeggero dà di matto e tenta di aprire il portellone dell’aereo: hostess lo stordisce con la caraffa del caffè

Polizia e direzione dell’aeroporto avviano una doppia indagine

Chiaramente le sue azioni rischiano di avere conseguenze serie dal punto di vista economico per la famiglia, che ha però potuto se non altro tirare un sospiro di sollievo nell’apprendere che il piccolo non era stato rapito. Non è chiaro quale tecnica abbia usato di preciso ma fatto sta che è riuscito ad imbarcarsi senza biglietto su un volo Latam: sul caso è stata avviata un’indagine dalla direzione dello scalo di Manaus per comprendere come sia salito, senza bagagli nè documenti di viaggio, a bordo di un velivolo ed individuare così la ‘falla’ nella sicurezza. Sulla vicenda sta indagando anche la polizia che ha iniziato a visionare le immagini delle telecamere di videosorveglianza. Si ritiene comunque che nessun adulto lo abbia aiutato e che Emanuel abbia fatto tutto da solo; non è chiaro però perchè si sia allontanato senza avvisare i genitori, non esistono infatti precedenti di violenza in famiglia. Probabilmente il piccolo ha semplicemente deciso di raggiungere in autonomia alcuni parenti che vivono a San Paolo.