Esplode una bombola di solvente in una fabbrica di vernici: morto un operaio

Una violenta esplosione ha causato la morte di un operario in una azienda di vernici a Poiano, in provincia di Verona.

Muore avvolto dalle fiamme in seguito all’esplosione di una bombola di solvente. La triste notizia giunge da una fabbrica di vernici, la ‘Casati’, a Poiano, nel veronese. Un operaio 59enne ha perso la vita sul proprio posto di lavoro in un tragico episodio avvenuto ieri pomeriggio.

I circa 40 operai che lavorano nell’azienda si sono precipitati al di fuori del capannone, subito dopo essersi accorti dello scoppio dell’incendio. La vittima, invece, non è riuscita a uscire. Era stato visto dagli altri operai poco prima. Al di fuori della fabbrica è stato fatto l’appello di tutte le persone presenti e qui si è avuta la tragica conferma.

Sul posto sono immediatamente giunti i vigili del fuoco, gli agenti di polizia, alcuni tecnici ambientali e i carabinieri.

Scoppia un incendio in un’azienda di vernici nel veronese: un operaio muore tra le fiamme

Alle 17.50, qualche ora dopo l’esplosione e l’incendio, si è purtroppo avuta la conferma della morte dell’operaio. Si tratta di Graziano Dal Corso, un uomo celibe di 59 anni.

Per spegnere l’incendio sono state impiegate diverse squadre di pompieri provenienti da Mantova, Vicenza, Verona, Venezia, Treviso e Rovigo.

Per una questione di pura sicurezza, sono state chiuse al traffico le strade adiacenti lo stabilimento. Inoltre, il sindaco ha consigliato i cittadini del posto di non uscire di casa per qualche ora.