Un’app permette di simulare gli effetti che avrebbe il lancio di una atomica: cosa succederebbe?

Si chiama ‘Nukemap’, è gratuita e permette a ogni utente di rilevare in modo preciso gli effetti di un ipotetico lancio di una bomba atomica in un determinato territorio.

Negli scorsi giorni Vladimir Putin ha allarmato il mondo, sostenendo di aver messo in allerta il proprio sistema nucleare. Che una guerra atomica sia (fortunatamente) poco probabile è stato ribadito da Marco Casolino, primo ricercatore all’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare con queste parole.

Però il mondo è in allarme. Sono molte le persone preoccupate per questa escalation che avrebbe risvolti sconvolgenti. Online è presente un vero e proprio simulatore, l’app ‘Nukemap’, che permette a chiunque di calcolare quali effetti ci sarebbero in ogni angolo del mondo in caso di lancio di una bomba atomica. L’app è diventata virale e da qualche giorno è stata presa d’assalto dagli “spaventati” utenti.

L’app è stata sviluppata da Alex Wellerstein, esperto di scienza e di armi nucleari, nel lontano 2012. Chiunque può provarla qui.

Ecco ‘Nukemap’, il simulatore che permette di rilevare gli ipotetici effetti su un territorio in caso di lancio di una bomba atomica

Oltre a simulare la posizione, questa app differenzia le varie ipotesi in base al tipo di arma nucleare potenzialmente sganciata. Si va da quelle “vecchie” usate nella seconda guerra mondiale fino alla recenti in possesso dalla Russia, dalla Nord Corea e dagli Stati Uniti.

Facendo un esempio in riferimento al nostro Paese, uno dei possibili “obiettivi” potrebbe essere la base militare di Aviano, utilizzata dall’aeronautica militare americana. Le ricadute ci sarebbero su tutto il Friuli Venezia Giulia e buona parte del Veneto.

Inoltre, l’Università di Princeton, nel New Jersey, ha simulato le conseguenze devastanti di una guerra nucleare. Secondo lo studio, ci sarebbero oltre 85 milioni di morti nel mondo in circa 45 minuti, nel caso in cui la Russia di Putin dovesse attaccare i Paesi della NATO con 300 testate nucleari.