Cavallo rischia di annegare in un fossato colmo di acqua e fango: l’incredibile intervento per salvarlo

impossibilitato a muoversi

Un’operazione non facile quella compiuta da un team dei vigili del fuoco per trarre in salvo un cavallo rimasto bloccato in un fossato fangoso pieno d’acqua

L’allarme è stato lanciato nella tarda mattinata di martedì, intorno alle 11, dalla località inglese di Hardley, sobborgo del villaggio di Holbury nella parrocchia civile di Fawley: un cavallo di 25 anni era finito in un fossato pieno di acqua ma soprattutto di fango che lo ha letteralmente imprigionato mettendo a rischio la sua stessa vita. Autonomamente infatti l’animale non riusciva a liberarsi dalla presa fangosa e, una volta esaurite le sue energie, si sarebbe probabilmente lasciato morire.

LEGGI ANCHE =>> 25enne incarcerato per aver avuto rapporti con un cavallo evade di prigione

Fortunatamente il proprietario se n’è accorto in tempo e ha chiamato i soccorsi intervenuti con una squadra di vigili del fuoco per dare il via ad una non facile operazione di salvataggio: un intervento condotto in collaborazione con il proprietario del cavallo, completata con successo nell’arco di cira due ore. Ben, questo il nome dell’animale, è stato in seguito affidato alle cure di un veterinari; le immagini del salvataggio sono in seguito state diffuse dall’Hampshire and Isle of Wight Fire and Rescue Service. Per liberarlo, un veterinario ha sedato l’animale prima che i vigili del fuoco di Hardley, Lyndhurst e Winchester si mettessero al lavoro per liberarlo scavando intorno al fossato e poi tirandolo fuori con delle robuste cinghie e utilizzando un supporto rigido tenuto a terra.

Il tweet dei vigili del fuoco dopo il salvataggio

In un tweet il team dei vigili del fuoco di Winchester ha scritto: “Ben il 25enne di razza Cob pensava di giocare nel fango questa mattina. Fortunatamente le squadre sono intervenute per dargli una mano ad uscire dal pasticcio in cui si era cacciato! Ben è tornato in piedi camminando in giro mentre le squadre finivano il loro intervento sulla scena.”