Sbatte contro una balaustra durante una partita di hockey su ghiaccio, morto un giocatore 32enne

La tragedia è avvenuta nel corso di una gara amatoriale in Alto Adige. Andreas Palla, dopo aver sbattuto violentemente il costato, è deceduto per un malore.

Andreas Palla non ce l’ha fatta. Lo sfortunato giocatore di hockey su ghiaccio di 32 anni è deceduto dopo aver sbattuto con forza il costato alla balaustra del campo di gioco. La tragedia è avvenuta in Alto Adige nel corso di un match amatoriale valevole per la Dolomit League.

Durante la gara fra l’Asv Prad di Prado, la squadra dello sfortunato ragazzo, e dei Vikinger, disputata nel palazzetto di Alpiano (Bolzano), Andreas Palla è andato a urtare violentemente contro la balaustra.

Poco dopo, il ragazzo ha accusato una forte fitta al costato ed è stato soccorso dagli operatori sanitari presenti al campo. In un primo momento sembrava potesse superare le difficoltà, ma così non è stato. Un secondo improvviso malore è risultato fatale al 32enne. Del tutto inutili questa volta i tentativi di soccorso e il trasporto all’ospedale di Bolzano.

Sbatte il costato durante un incontro di hockey su ghiaccio: lo sfortunato Andreas Palla accusa un malore e muore qualche minuto dopo

In passato, il ragazzo ha fatto parte delle giovanili della squadra di hockey su ghiaccio dell’HC Merano.

Questo il ricordo della sua ex squadra: “Abbiamo ricevuto la triste notizia della morte improvvisa del nostro ex giocatore dell’Aquila e amico Andreas Palla. Nei suoi anni giovanili Andi ha lottato per la maglia dell’Aquila e ha fatto parte anche della serie A2 – Championship team del 2006/07. Anche dopo la sua carriera, Andi è rimasto fedele all’HC Meran come fan ed è stato un ospite ben visto nella Meranarena. Il consiglio direttivo, i giocatori e tutto lo staff dell’HC Meran Pircher condividono sinceramente il dolore sofferto dalla famiglia Palla per la perdita di Andreas ed esprimono il più profondo cordoglio alla famiglia in lutto. Caro Andi! Ci mancheranno il tuo modo aperto e amichevole, il tuo entusiasmo per l’hockey su ghiaccio e la tua professionalità. Riposa in pace, ti ricorderemo sempre!”.