Alcuni lotti di arachidi richiamati dal Ministero della Salute, a causa della presenza di aflatossine. Cosa sono?

Richiamati alcuni lotti di arachidi tostate in guscio bio. Il motivo? La possibile presenza di microtossine dannose per l’organismo.

Si moltiplicano i casi di particolari alimenti richiamati dal Ministero della Salute. Pochi giorni fa avevamo parlato qui di alcuni lotti di mazzancolle e di formaggi freschi ritirati dal mercato. Alcune settimane prima, inoltre, il Ministero della Salute aveva richiamato dei lotti di torroncini a scopo precauzionale.

Questa volta è il turno di alcuni lotti di arachidi. In particolare, il Ministero della Salute è stato costretto a richiamare le arachidi tostate in guscio bio targate realizzate dall’azienda ‘La Cenerentola’, nello stabilimento di Somma Vesuviana.

Le arachidi richiamate sono state commercializzate e vendute in buste da 150 grammi, da 250 grammi e da 4 kg. I numeri di lotto interessati dal richiamo sono 254/21, 351/21, 354/21 e 363/21.

In via del tutto precauzionale, l’azienda ha informato i consumatori in possesso di questi lotti di non mangiare le arachidi acquistate. Esse potranno, inoltre, essere restituite al fornitore.

Il Ministero della Salute ha richiamato questi lotti di arachidi per una possibile “presenza di aflatossine”.

Richiamati dal Ministero della Salute alcuni lotti di arachidi tostati per una possibile “presenza di aflatossine”. Cosa sono e perché sono pericolose per l’organismo?

Cosa sono le aflatossine e quali rischi comportano al nostro organismo? La presenza di aflatossine negli alimenti, come nel caso specifico di queste arachidi, potrebbe essere dannosa per l’organismo. Il consiglio è di stare attenti a queste microtossine, a causa della loro elevatissima tossicità.

Le aflatossine non sono altro che microtossine generate dai funghi o in generale dalle muffe. Esse sono in grado di diffondersi e svilupparsi in diverse specie di vegetali. Le aflatossine è sempre meglio evitarle e non immetterle nell’organismo. Infatti, a lungo andare possono causare danni cronici, in particolare al fegato.

Esse, inoltre, risultano essere agenti cancerogeni per l’uomo, come emerso in diverse ricerche scientifiche che si sono sviluppate negli ultimi anni.