Dramma nel Mar dei Caraibi, italiano attaccato da uno squalo: morto per dissanguamento

squalo bianco

Un attacco tanto improvviso quanto brutale avvenuto mentre stava nuotando è costato la vita ad un italiano di 56 anni, deceduto per le gravi ferite riportate che ne hanno provocato il dissanguamento

Stava nuotando nelle acque del Mar dei Caraibi, vicino ad una scogliera poco frequentata dai bagnanti quando improvvisamente si è ritrovato tra le fauci di un enorme squalo. A farne le spese è stato un turista italiano di 56 anni, che nulla ha potuto fare per difendersi dal rapido quanto brutale attacco, ritrovandosi con gravissime ferite che ne hanno provocato il dissanguamento, portandolo al decesso. La notizia, che arriva dalla Colombia, è stata resa nota dai media locali: il dramma è avvenuto nell’arcipelago di San Andrés e la vittima era nata a Roseto Degli Abruzzi.

LEGGI ANCHE =>> Misteriosa scoperta su una spiaggia: trovato morto un grosso squalo, è completamente congelato

I primi ad intervenire sarebbero stati alcuni bagnanti che da lontano hanno udito le strazianti urla dell’uomo il quale, seppur a fatica, era nel frattempo riuscito a raggiungere gli scogli. Lo hanno portato a riva chiamando i soccorsi che hanno trasportato il 56enne in ospedale dove purtroppo è deceduto per dissanguamento a causa di una profonda ferita alla gamba. Nelle ore successive un comunicato è stato diffuso dall’Ente per lo Sviluppo sostenibile dell’Arcipelago di San Andrés (Coralina): “dopo avere appreso l’accaduto attraverso i social network, è stata disposta immediatamente una operazione congiunta con la Marina militare, la Guardia costiera, la polizia nazionale e il ministero dell’Agricoltura e della Pesca”. Si è trattato, prosegue la nota, di uno “sfortunato caso in cui una persona di nazionalità italiana è morta a causa del morso di squalo nell’area vicina a Pox Hole, popolarmente conosciuta come la Piscinita”.

Almeno due grandi squali tigre nella zona dell’attacco

“Grazie a 14 anni di totale protezione dell’ambiente marino della zona, la popolazione di squali è cresciuta fino a diventare, secondo recenti ricerche scientifiche, la seconda per importanza del mondo” ha sottolineato Coralina nel commentare l’incidente. Nella zona dell’incidente nuoterebbero, nella fattispecie, due grandi esemplari di squali tigre. L’ente ha infine sottolineato di avere appreso che “a quanto pare un residente del settore aveva avvertito della presenza di squali in acqua e ha raccomandato di non immergersi, ma non è stato ascoltato”.