Prezzi alle stelle per pandemia e guerra: papà resta a digiuno 4 giorni per sfamare la figlia

costo della vita alle stelle

David Lynch, padre single di 45 anni, ha dovuto fare i conti con il repentino calo prezzi e per poter consentire a sua figlia di continuare a mangiare con regolarità è rimasto a digiuno per quattro giorni

L’inarrestabile pandemia di Covid da un lato e la guerra in Ucraina dall’altro hanno provocato uno stravolgimento del costo della vita, con un aumento dei prezzi spaventoso sia per quanto riguarda il rifornimento che gli alimentari. E chi come David Lynch, padre single di 45 anni, può contare su un solo stipendio che non è aumentato nel corso degli ultimi mesi, si è ritrovato nel bel mezzo di una vera e propria crisi, impossibilitato ad arrivare alla fine del mese se non rinunciando addirittura a mangiare. Il 45enne infatti ha trascorso ben quattro giorni senza assumere cibo per consentire alla figlia adolescente di continuare a mangiare regolarmente. L’uomo vive a Coventry, Regno Unito e ha detto che metterà sempre la figlia al primo posto perchè la crisi del costo della vita rischia di abbattersi anche sui più giovani: parlando con la BBC ha detto che possono passare anche diversi giorni prima che riesca a nutrirsi in modo regolare. Disoccupato dopo il licenziamento come imballatore, ha detto la figlia che vive con lui a fine settimana alterni “è il centro del suo mondo”.

LEGGI ANCHE =>> Aggira la censura russa usando Tinder: la strategia di una donna per mostrare i bombardamenti in Ucraina

Si trova a dover decidere se accendere la luce o comprare da mangiare

Ma il padre single si è trovato costretto a rivolgersi ad un banco alimentare e ha detto di aver lottato per riuscire a pagare le bollette del suo appartamento in affitto. “Sono rimasto per quattro giorni senza cibo”, ha raccontato “a volte mi chiedo se accendere la luce e il gas o pagare il cibo”. E ha poi rivolto un appello ai ministri affinchè provino a vivere con persone come lui che trascorrono ore cercando di capire come pagare le bollette “piuttosto che starsene in giacca e cravatta fingendo di sapere come si viva in queste condizioni”. Anche il capo di Coventry Citizens Advice ha dipinto un quadro allarmante in merito alla crisi del costo della vita con un incremento del numero persone che si trovano a lottare per il proprio sostentamento. Numeri alla mano nell’arco di dodici mesi i casi sarebbero addirittura triplicati.