Madeleine McCann, brutte notizie per i genitori: l’indagine è vicina alla definitiva conclusione?

indagine vicina alla fine

Secondo quanto emerso nelle ultime ore Scotland Yard sarebbe intenzionata a porre fino all’operazione Grange entro la fine dell’anno, 11 anni dopo la scomparsa di Madeleine McCann

L’indagine del Regno Unito sulla scomparsa di Madeleine McCann, avvenuta nel 2007 durante una vacanza in Portogallo con i suoi genitori, potrebbe essere vicina alla conclusione, a 11 anni dal suo avvio. L’operazione Grange, lanciata quattro anni dopo la scomparsa di Maddie da Scotland Yard, potrebbe concludersi entro la fine del 2022 secondo quanto emerso nelle ultime ore e questa decisione solle va dubbi sul fatto che il principale sospettato Christian Bruckner possa essere effettivamente accusato della sua scomparsa. “La fine della straga per l’Operazione Grande è ormai in vista – ha riportato una fonte del Sun – il lavoro del team dovrebbe essere completato entro l’autunno e al momento non ci sono piani per prolungare ulteriormente l’inchiesta”.

LEGGI ANCHE =>> Il pedofilo sospettato del caso Maddie McCann va in udienza con le costole rotte: è stata la polizia?

Anche se gli investigatori non continueranno a indagare attivamente, il fascicolo del caso potrebbe essere riaperto se ci fossero ulteriori scoperte. Ma il finanziamento disposto per l’operazione terminerà alla fine di marzo. Di recente è stata presentata al Ministero dell’Interno una richiesta per ulteriori fondi in modo da far durate l’operazione fino alla fine di settembre. Il costo dell’operazione ammonta a 13 milioni di sterline. Lo scorso anno, la commissaria uscente del Met, Dame Cressida Dick, ha detto che l’operazione Grange sarebbe continuata fino a quando non ci sarebbe stato più nulla da sondare. Negli ultimi anni la squadra di Grange è stata ridotta da 40 agenti a 4 detective che lavorano sotto l’ispettore capo del dipartimento Mark Cranwell.

L’interesse per il caso si è riacceso nel 2020 con l’indagine su Brueckner

L’interesse per il caso si è riacceso nel 2020 quando è emersa un’indagine della polizia tedesca su Brueckner. Il 45enne è dietro le sbarre per reati tra cui lo stupro nel 2005 di una vedova statunitense a Praia da Luz, dove Madeleine è scomparsa due anni dopo. I pubblici ministeri tedeschi hanno affermato di avere prove “concrete” contro di lui e che lui è il loro unico sospettato nel caso di Madeleine. Ma temono anche che Breuckner abbia commesso almeno altri cinque crimini sessuali, incluso lo stupro di una donna irlandese, che è stata aggredita nel suo appartamento portoghese nel 2004.