Nuovo bonus 2022 fino a 680 euro ma non per tutti: come ottenerlo e chi può riceverlo

C’è un altro sconto per gli italiani, un’agevolazione che in tempi di bollette alle stelle potrebbe rivelarsi estremamente preziosa. Ecco tutti i dettagli del bonus teleriscaldamento

Una scelta pensata per fornire alle famiglie più svantaggiate un concreto sostegno economico. Viene così presentato il bonus teleriscaldamento 2022, una somma riconosciuta, per la stagione termica in corso, sul costo delle bollette. Lo sconto rappresenta un’agevolazione che va a sopperire all’esclusione dai bonus governativi di questa misura ed è rivolta ai rincari dei costi del gas e dell’energia elettrica, che anche chi è provvisto di teleriscaldamento si è trovato a dover fronteggiare nonostante i benefici dal punto di vista ambientale generati dal teleriscaldamento per quanto riguarda la riduzione delle emissioni di CO2 rispetto alle caldaie di tipo tradizionale.

Fa fede la certificazione Isee
Come presentare la domanda e quali documenti occorrono (Fonte Pixabay)

Negli ultimi giorni una comunicazione rilsciata da Iren ha concretizzato l’ufficialità di una misura già anticipata nei giorni precedenti, con il seguente messaggio: l’obiettivo è quello di “dare un sostegno concreto alle famiglie più svantaggiate dal punto di vista economico a causa dell’aumento eccezionale subito dal costo del gas nei primi mesi dell’anno”.

Come richiedere il bonus teleriscaldamento

Anzitutto occorre specificare che il bonus teleriscaldamento è rivolto a tutti i clienti domestici di Iren purchè predispongano presso la propria abitazione un contratto di teleriscaldamento attivato tra il 1 ottobre 2021 ed il 31 maggio 2022. A questo va abbinata la dichiarazione Isee, che deve essere inferiore o uguale a 12mila euro annui (20mila nel caso di nuclei familiari con almeno quattro figli a carico”.

La propria residenza anagrafica deve inoltre essere registrata in uno dei comuni serviti da Iren ovvero Beinasco, Collegno, Genova, Grugliasco, Moncalieri, Nichelino, Parma, Piacenza, Reggio Emilia, Rivoli e Torino. I clienti che possono fare richiesta devono avere attivato un contratto di teleriscaldamento individuale oppure un contratto di teleriscaldamento centralizzato con servizio di ripartizione, un contratto di teleriscaldamento centralizzato classico.

A quanto ammonta il bonus teleriscaldamento

In soldoni quanto sconto si può ottenere? Rispettando i requisiti richiesti il bonus riconosciuto viene erogato versando una tantum pari a 487,27 euro (Iva esclusa) per le famiglie fino a 4 componenti oppure di 679,09 euro (Iva esclusa) per le famiglie con più di 4 componenti. Si tratta di un bonus che verrà riconosciuto una singola volta (almeno stando alle attuali normative a riguardo).

Con la clausola che l’ammontare totale del bonus erogato non dovrà essere superiore, specifica Iren, all’importo fatturato per il servizio di teleriscaldamento nel periodo termico compreso tra il 2021 e il 2022. L’agevolazione viene riconosciuta, si legge nella documentazione, a partire da tre mesi successivi alla data di invio della domanda online (previa approvazione).

un sostegno concreto fino a 670 euro
A quanto ammonta il bonus teleriscaldamento e chi lo può ricevere (Fonte Pixabay)

Quali documenti presentare

Importante è presentare la dichiarazione Isee aggiornata al 2022 inserendo ulteriori informazioni riportate sulla bolletta ovvero il codice cliente unico per tutte le forniture sottoscritte ed il codice contratto della singola fornitura di gas. La richiesta verrà in primis verificata dal comune per poi essere trasmessa ad Iren che invierà una comunicazione contenente l’esito della richiesta, specificando se è stata accolta o meno.

Lo sconto verrà corrisposto in bolletta, nella prima inviata dopo l’approvazione del bonus nel caso di clienti con contratto individuale o aggregati con impianto centralizzato ripartito. Invece per quelli con contratto condominiale centralizzato il Bonus invece sarà corrisposto da Iren nella bolletta condominiale. Ognuno di loro riceverà una comunicazione ad hoc contenente tutte le indicazioni per ottenere l’agevolazione come detrazione sulle spese di riscaldamento da parte dell’amministratore di condominio, che verrà ugualmente e debitamente informato da Iren.