Dai 7 giorni al silenzio: ecco com’è oggi il cantante one hit wonder di inizio millennio

Idolo indiscusso dei primi anni 2000, dall’Inghilterra ha dominato la nuova scena musicale mondiale, divenendo uno degli esponenti di punta dell’ R&B. A distanza di anni, però, come sta il cantante di “7 Days”?

Chiunque sia stato un’adolescente o una giovanissima adulta durante i primi anni del 2000, sa bene chi sia Craig David che oggi compie ben 41 anni; il tempo passa per tutti purtroppo. Voce angelica, movenze incredibili e grandissimo carisma è stata la formula magica del cantante di Southampton. In pochi forse sanno che non è americano, ma è riuscito lo stesso a ritagliarsi un suo posto di prestigio nella scena musicale mondiale del periodo. E non era per nulla scontato.

Video 7 Days
Fonte: YoTube

Le sue hit di grandissimo successo, infatti, hanno fatto sì che rimanesse sulla cresta dell’onda per tantissimo tempo. Si tratta di un  talento puro che fin dall’età di otto anni ha mostrato una precoce predisposizione alla musica, la stessa che gli ha permesso già a 14 anni di trovare lavoro presso una radio locale. Tuttavia, oggi la sua potente aurea sembra essersi ridimensionata di molto. Non si sente molto parlare di lui ultimamente, anche se sui social i fan non mancano di certo. Quasi 800.00 follower, insomma non è poco.

Eppure, che fine ha fatto Craig David? Ha progetti musicali in vista? Scopriamolo insieme.

Craig David: il re delle hit

La carriera del cantante R&B inizia molto presto. All’età di 18 anni Craig cantò per la prima volta, insieme agli Artful Lodgers, quella che divenne prestissimo un inno per tutti i club di Londra: “Re-Rewind”. Non solo il cantante, ma anche il genere UK garage – electronic dance – conosce un periodo d’oro.

Craig David oggi
Fonte: Instagram @craigdavid

Ma è il suo primo album “Born to Do it” a consacrarlo come stella assoluta del panorama musicale internazionale, tanto da ricevere i complimenti dai suoi illustri colleghi, come Elton Joh, Bono e Stevie Wonder.  L’album di esordio, che oltre a “Rewind” contiene il singolo di successo “7 Days”, vende ben 7 milioni di copie, diventando disco di platino e multi-platino in più di 20 paesi. Davvero un prodigio.

Dopo altre canzoni di successo, tour e il remake di una celebre canzone di David Bowie del 1983, Hot Stuff (Let’s Dance), inizia però la parabola discendente di Craig David dopo il terzo album pubblicato nel 2005. Passerano 10 anni prima che il suo nome ritorni maggiormente alla ribalta, grazie al ritorno del suo primo amore, la musica garage, di cui diventa dal 2015 esponente principale in Patria, riscuotendo un discreto seguito.

Sembra quindi che la carriera di Craig David si sia irrimediabilmente ridimensionata, ma non è assolutamente così. Il 15 ottobre scorso ha annunciato su Instagram, infatti, il suo nuovo pezzo, in collaborazione con MNEK, “Who you are”, un pezzo dance in pieno stile Craig David. E non finisce di certo qui!

Lo scorso aprile il cantante è stato impegnato col “Hold that thought UK arena tour”, un tour, insomma, in giro per il Regno Unito. Sempre sui social, invece, ha reso noto ai fan che il suo prossimo album “22” uscirà venerdì 13 maggio, giusto in tempo magari per qualche bella hit estiva da ballare in spiaggia.