Pioggia di soldi per gli italiani, per prenderli ci vuole l’Isee: cos’è e come ottenerlo facilmente

Per poter verificare di rientrare nei parametri necessari per ottenere uno dei tanti bonus economici stanziati dal Governo occorre un documento, ovvero l’Isee. Vediamo come si richiede

Una delle recenti misure introdotte dal Governo Draghi con l’obiettivo di far fronte ai rincari energetici che da ormai diversi mesi stanno colpendo il portafoglio degli italiani è il Bonus sconto in bolletta sia per la luce che per il gas. Ma non si tratta di un’agevolazione rivolta indistintamente a tutti bensì solo alle famiglie il cui Isee risulta essere non superiore a 12.000 euro.

Indicatore della situazione economica equivalente
Per poter verificare di rientrare nei parametri necessari per ottenere uno dei tanti bonus economici stanziati dal Governo occorre questo documento (Fonte Twitter)

Questo ha spinto molte persone a domandarsi come sia possa richiedere questo documento che altro non è che l’indicatore della Situazione Economica Equivalente, requisito di primaria importanza per poter ottenere non solo il Bonus bollette ma anche altri sconti, misure di sostegno alla povertà e sussidi messi a punto dallo Stato con il Decreto Aiuti (o Decreto Ucraina bis).

Come richiedere l’Isee 2022

Insomma come si ottiene l’Isee 2022 per poter avviare le pratiche per richiedere i bonus proposti fino al 31 dicembre 2022? Ecco tutto quello che c’è da sapere su questo importante strumento grazie al quale viene calcolata la ricchezza delle famiglie italiane. Di fatto rappresenta un’indicatore della ricchezza, che tiene conto anche del numero di componenti familiari e consente a chi lo presenta di accedere, se rientra nei limiti previsti, ad una serie di aiuti economici. Le modalità per richiederlo sono molteplici. Si può richiedere online accedendo al sito dell’Inps e completando la richiesta in autonomia.

Ma occorre avere con sè alcuni documenti che verranno richiesti ovvero i dati anagrafici e reddituali, il patrimonio immobiliare del nucleo familiare; eventuali mutui a carico oppure, se l’abitazione è in affitto, il canone di locazione che viene pagato mensilmente. Verranno richieste informazioni circa il patrimonio mobiliare ovvero i conti correnti, le carte, i libretti di risparmio, saldi e giacenze medie sul conto corrente di ogni membro del nucleo familiare.

Nel modello oltre a specificare la composizione del nucleo familiare bisognerà inoltre indicare l’eventuale presenza di membri con disabilità o non autosufficienza, eventuali trattamenti erogati dall’Inps ed esenti a fini Irpef, eventuali soggetti rilevanti ai fini del calcolo delle componenti aggiuntive Isee ed infine la proprietà di mezzi da trasporto. Compilati tutti i campi sarà possibile inviare la domanda che l’Inps inoltrerà all’Agenzia delle Entrate. Se i controlli daranno esito positivo verrà generato l’Isee dopo il reinvio dei dati all’Inps.

Come richiederla
Si può richiedere sul sito dell’Inps oppure da Caf e Patronati (Fonte Facebook)

Le alternative per chiedere l’Isee 2022

Per chi preferisce una mano nella sua compilazione è possibile fare richiesta pesso Caf e patronati, un metodo più semplice grazie all’assistenza di un esperto. Purchè si portino con sè i codici fiscali dei componenti (compresi eventuali coniugi non residenti e figli a carico non residenti), il contratto di affitto o la titolarità di un mutuo, la dichiarazione 730 oppure con modelli Cud o modello Unico.

Ed eventuali certificazioni relative a compensi, indennità, redditi esenti a fini Irpef e trattamenti previdenziali e assistenziali. Oltre ad una serie di altre documentazioni riguardanti il saldo o la giacenza media sul conto corrente, i dati di eventuali veicoli, dati relativi al valore del patrimonio mobiliare. Allo sconto sulle tariffe energetiche si potrà accedere una volta ricevuto l’Isee e verificato che il suo valore risulti al di sotto dei 12.000 euro.