“La storia del nome mi sta sconvolgendo”: il dramma di una madre

Una madre ha condiviso il suo turbamento legato alla scelta del nome da dare al proprio figlio e alla reazione dei suoi parenti i quali hanno detto che a loro non piace

Scontri familiari prima della nascita di un bimbo. È quanto si sta trovando ad affrontare una donna che ha deciso di condividere il suo turbamento sul web nato in seguito al nome che lei ed il partner hanno deciso di dare al proprio figlio in arrivo. Una scelta che ha scatenato la rabbia di alcuni parenti tanto da farle venire voglia di evitare eventi familiari per non ritrovarsi in mezzo ad accese discussioni.

Sembra il nome di una gang
“La storia del nome mi sta sconvolgendo”. Il dramma di una madre (Fonte Pixabay)

Quando si tratta di scegliere il nome del proprio figlio è quasi certo che non tutti apprezzeranno la scelta finale e questo può scatenare anche ansie o paranoie da parte dei genitori oppure, come in questo caso, da parte della famiglia. Del resto i nomi sono come alcuni alimenti o certi film, o li si ama o li si odia. E una futura mamma si è ritrovata a vivere questo problema in prima persona rimanendo piuttosto scoraggiata dopo che la sua famiglia ha condiviso la forte avversione per il nome che lei ed il compagno hanno scelto per il loro secondo figlio.

“La storia del nome mi sta sconvolgendo”. Il dramma di una madre

La donna, che è voluta rimanere anonima, si è rivolta al web per un consiglio dopo aver condivido il nome del figlio non ancora nato con i suoi parenti sentendosi dire che “suona come il nome di una gang o di una droga”. Nel suo post pubblicato su Mumsnet ha detto: “Sono incinta di 30 settimane del mio secondo figlio, è un altro maschio mentre la mia famiglia ha reso molto evidente che avrebbero voluto una femmina e per questo è rimasta molto delusa quando ho rivelato loro il sesso.

Dopo settimane e settimane di discussioni con il mio partner in merito al nome da dargli – ha aggiunto – abbiamo finalmente optato per Reggie e lo abbiamo tenuto per noi fino a quando ne abbiamo avuto la certezza; a quel punto lo abbiamo detto alla famiglia”.

Non si aspettava questa reazione
La reazione degli utenti sul web (Fonte Pixabay)

La reazione degli utenti sul web

Ma la reazione non è stata quella sperata: “La mia famiglia è stata molto contrariata per la scelta, dicendo che sembra il nome di una gang dedita allo spaccio di droghe e che non avrei potuto chiamare mio figlio così. Per poi proseguire suggerendoci altri nomi. Ho detto loro fermamente che Reggie è la nostra decisione e loro hanno risposto che cambieremo idea sul nome quando lo vedremo”.

La mamma ha aggiunto che la storia la sta davvero sconvolgendo: “Devo andare alla festa di compleanno di un fratello e non voglio davvero farlo perchè so che l’argomento dei nomi sarà sollevato di nuovo”. Da quel momento in molti l’hanno supportata dicendo che è molto meglio rivelare i nomi dei figli solo dopo la nascita. “È per questo che non devi mai dire alle persone il nome di tuo figlio prima che nasca – ha sottolineato un utente – seriamente rischi solo guai. Le persone tendono a non reagire troppo negativamente se lo fai dopo che il bimbo è nato. Ora digli che la loro opinione non è rilevante e che non lo cambierai. Per quello che vale amo Reggie e penso che dovresti rimanere fedele alla tua decisione”. : “Adoro il nome reggie, ignorali tutti. Congratulazioni” ha aggiunto un altro utente.