UFO avvistati su impianti nucleari, forti critiche sul Pentagono – cosa sta succedendo?

Il Pentagono è stato altamente criticato in questi giorni per aver ammesso di non essere a conoscenza di noti avvistamenti UFO su impianti nucleari. Ma cosa è successo?

Il Dipartimento della Difesa ha ammesso, nella storica audizione del Congresso – a porte chiuse – tenutasi martedì sui fenomeni aerei non identificati, di non essere a conoscenza di noti avvistamenti UFO su impianti nucleari. I membri del Congresso hanno criticato gli esperti della Difesa sul numero di UFO e sulle loro origini, che hanno ammesso così oltre 400 avvistamenti e quasi 11 collisioni.

Avvistamenti UFO
Fonte: Canva

Come riportato dal quotidiano inglese ‘The Sun’, Alejandro Rojas, ricercatore UFO della Scientific Coalition for UAP Studies, ha affermato che la cosa più preoccupante è stata la mancanza di conoscenza storica, in particolare sulle basi nucleari, che ha definito una “grande preoccupazione”. “Sono rimasto per lo più deluso dall’udienza” ha dichiarato il ricercatore amareggiato dalla condotta superficiale del Pentagono.

“Non avverto ancora la sensazione che sentano l’urgenza di iniziare a fare le cose sul serio”, ha continuato poi Rojas intervistato dal Sun. “Sapevo che ci fosse un’enorme ignoranza sull’argomento, ma non me ne aspettavo così tanta. Uno dei problemi più grandi e spaventosi è che il Dipartimento della Difesa abbia affermato di non essere a conoscenza della vasta storia degli UFO sugli impianti nucleari, che sembra essere la più grande preoccupazione per la sicurezza in materia”.

Ufo vs DoD

Sempre nell’articolo del ‘Sun’, si legge che i funzionari hanno ammesso di non avere alcuna conoscenza rispetto, ad esempio, all’incidente di Malmstrom del 1967 nel Montana, dove 10 armi nucleari furono disabilitate e gli aviatori videro un UFO nel cielo.

I membri del Congresso
Fonte: The Sun

“È abbastanza terrificante che non abbiano sentito parlare dell’incidente di Malmstrom, è stata una grande preoccupazione”, ha confessato Rojas. “Penso che il Dipartimento della Difesa abbia dimostrato un’enorme ignoranza sui fenomeni aerei non identificati. Vorrei vederli istruirsi, soprattutto sulla questione nucleare, perché è una questione molto importante, specialmente in questo momento, ma sembrano essere completamente ciechi. E questa è una delle principali preoccupazioni”.

Il ricercatore ha detto che altri elementi hanno confermato durante il Congresso che il Pentagono non possiede nemmeno un UFO precipitato a terra da analizzare o qualsiasi altri reperto che segnali la presenza di fenomeni aerei non identificati. Questa confessione andrebbe contro quanto affermato in precedenza dall’informatore Luis Elizondo, che ha guidato il programma segreto sugli UFO del Pentagono “AATIP”, ovvero un’indagine finanziata dal governo degli Stati Uniti per studiare oggetti volanti non identificati o fenomeni aerei inspiegabili.

“Hanno affermato di non avere un UFO schiantato o altro materiale che ritengono anomalo. Non è sorprendente. Questo è quello che mi aspettavo, ma è contrario a ciò che ha detto Luis Elizondo“, ha detto ancora il ricercatore estremamente contrariato. “Ha detto, infatti, che il suo team possedeva materiali che ritenevano anomali”.

Tuttavia, si tratta solo della prima udienza del Congresso. In molti, inoltre, anche se in possesso di segnalazioni rispetto agli UAP, preferiscono mantenere un profilo basso sul tema, profondamente intaccato da pregiudizi che possono anche minare la carriera del funzionario che ha reso noto un possibile avvistamento.