Il posto che non visiterai mai: l’isola infestata, si rischia di morire entro un’ora

Si trova a 90 miglia al largo della costa di San Paolo ed è caratterizzata da una vera e propria ‘invasione’ di vipere di una sola specie. Il loro veleno è estremamente pericoloso

C’è un’isola letteralmente invasa da una singola specie di serpente, endemica. Si tratta di Ilha da Queimada Grande, o Snake Island, si trova a circa 90 miglia al largo della costa di San Paolo, in Brasile, ed è la patria dell’unica popolazione nativa al mondo di vipere lancehead dorate.

Snake Island
Tra i 2000 e i 4000 serpenti: il luogo nel quale l’uomo non può andare (Fonte Facebook)

A prima vista sembra essere un posto bellissimo, un paradiso terrestre da visitare per sdraiarsi in spiaggia e lasciarci crogiolare dal sole prima di fare un bel tuffo in mare. Ma tra gli alberi tropicali si nasconde un pericolo.

Tra i 2000 e i 4000 serpenti: il luogo nel quale l’uomo non può andare

A pochi metri dall’oceano blu scuro che si infrange contro le rocce chiare che corrono lungo la sua costa, si trova una enorme popolazione di serpenti. Questo luogo mozzafiato, ricco di bellezze naturali tipiche brasiliane, non è dunque un posto da visitare. Solo gli uomini della marina o i ricercatori autorizzati dall’Istituto Chico Mendes per la conservazione della biodiversità possono infatti raggiungere questa isola, infestata da un numero compreso tra 2000 e 4000 vipere di una delle specie più letali al mondo.

Snake Island, l’isola infestata di serpenti velenosi

Secondo le stime quest’isola ha la più alta concentrazione di serpenti velenosi di qualsiasi altra zona del mondo. I rettili sono rimasti intrappolati sull’isola migliaia di anni fa, alla fine dell’ultima era glaciale quando l’innalzamento del livello del mare li ha tagliati fuori dalla terraferma. Da allora hanno conquistato giorno dopo giorno ogni centimetro dell’isola.

Le immagini che arrivano da Queimada Grande mostrano dozzine di serpenti velenosi aggrovigliati in grandi nodi sui rami degli alberi. Le vipere sopravvivono mangiando due specie di uccelli che vivono sull’isola ma se si trovassero davanti un uomo non è da escludere che potrebbero attaccarlo.

Poche persone sono autorizzate a raggiungere l'isola
Il morso della vipera può uccidere un uomo in un’ora (Fonte Google Maps)

Il morso della vipera può uccidere un uomo in un’ora

Una volta un pescatore sbarcò sull’isola in cerca di banane e venne scoperte giorni dopo sulla sua barca, morto in una pozza di sangue, con morsi di serpente su tutto il corpo. serpenti sono così velenosi che possono uccidere un essere umano adulto entro un’ora. Alcuni coraggiosi vivevano sull’isola all’inizio del 1900, presidiando il faro fino a quando non fu automatizzato.

Alcuni scienziati temono che i serpenti si stiano ammalando a causa di anni di intensa consanguineità, mettendo potenzialmente a rischio la loro popolazione. Poiché le vipere non hanno prede a livello del suolo, si sono evolute per cacciare sugli alberi. E hanno acquisito un veleno incredibilmente potente ed efficiente che può uccidere la sua preda quasi istantaneamente e persino sciogliere la carne umana. Può anche causare insufficienza renale, necrosi del tessuto muscolare, emorragie cerebrali ed emorragie intestinali.