Caro benzina, attenti all’extra bonus: ecco chi ne ha diritto – in una Regione doppio sconto

Un buon numero di fortunati cittadini italiani potranno beneficiare di un super bonus già in vigore sul carburante anche per il mese di giugno. E non si tratta di un’agevolazione dello stato ma di un extra regionale

In una regione Italiana la benzina costerà meno rispetto alle altre anche per l’intero mese di giugno. Grazie ad un provvedimento già in vigore per un super bonus che va a sommarsi agli sconti stabiliti dal governo, per far fronte al caro benzina. Una buonissima notizia che consentirà di tirare un sospiro di sollievo almeno per un altro mese, anche se nel frattempo occorrerà capire come comportarsi quando il sistema dei benefici dovrà essere inevitabilmente interrotto per questioni di cassa.

Risparmi fino a 60 centesimi
Molti cittadini italiani potranno beneficiare di un super bonus già in vigore sul carburante anche per il mese di giugno (Fonte PixabaY)

Intanto però è bene sorridere: la giunta regionale ha deciso di estendere lo sconto extra riguardante il rifornimento di carburante anche per tutto il prossimo mese. E, come sopra anticipato, questa agevolazione andrà a sommarsi al bonus relativo al provvedimento nazionale in vigore dai primi di aprile e fino al 1 luglio sui prezzi di benzina, diesel, gpl e metano, allo scopo di portare i prezzi al di sotto dei due euro (per benzina e diesel e alleggerire quelli di gpl e metano dando una sforbiciata alle accise e all’iva).

In una regione italiana doppio sconto sul carburante

Ma di quale regione si tratta? Ebbene stiamo parlando del Friuli Venezia Giulia dove grazie a questo provvedimento il carburante si pagherà meno che in qualsiasi altra regione italiana. Provvedimento che prevede per la zona 1, ovvero quella relativa ai comuni svantaggiati o a contributo maggiorato, un abbattimento del prezzo di 8 centesimi sulla benzina e di 6 centesimi sul diesel che vanno a sommarsi ai 21 centesimi di sconto sulla benzina e ai 14 sul diesel già previsti; portando lo sconto regionale ad un totale di 29 centesimi e di 20 centesimi.

Per quanto riguarda la zona 2 ovvero quella relativa ai comuni a contributo base, per decisione della giunta si prevede un abbattimento di prezzo di 8 centesimi ai 14 centesimi di sconto già presenti sulla benzina, per un totale di 22 cents. Per il gasolio lo sconto resterà invece da 9 a 16 centesimi. Ma non è tutto perchè chi possiede un’auto ibrida può beneficiare di un ulteriore sconto di 5 centesimi sul prezzo del carburante in virtù di una legge regionale, arrivando in area 1 ad una riduzione di ben 34 centesimi sulla benzina. Non poco considerato che a questo va aggiunto il taglio già stabilito dal governo Draghi pari a 30,5 centesimi. In alcune località del Friuli Venezia Giulia si potranno dunque risparmiare oltre 60 centesimi al litro per la benzina e 50 centesimi al litro per il gasolio.

La decisione della giunta
In una regione italiana doppio sconto sul carburante (fonte Twitter)

Le preoccupazioni per il futuro

Un’occasione ghiotta nell’immediato ma che non consente di non preoccuparsi per il futuro, quando inevitabilmente parte di questi sconti, o tutte le agevolazioni, dovranno essere rimosse. La speranza, almeno in questa regione, è che lo sconto possa essere esteso fino a fine 2022 ma questo prevederebbe costi enormi, stimati in diverse decine di milioni di euro, e bisognerebbe di conseguenza far quadrare il bilancio, operazione non semplice considerato il fatto che occorrerà tenere in considerazione anche i vertiginosi aumenti delle bollette.

“I nostri sconti – ha dichiarato l’assessore all’Ambiente Fabio Soccimarro – sono notevoli. Ma ci sarà bisogno di un intervento ulteriore a bilancio, altrimenti non saranno sostenibili sul lungo periodo”.