Dopo 41 anni di silenzi, indagini e mistero è stata ritrovata: l’incredibile storia di Baby Holly

Dopo 41 anni di indagini e mistero, uno dei casi statunitensi più intricati di sempre è stato risolto. Baby Holly è viva, sta bene ed è mamma di cinque bambini. 

Tra i tanti misteri ed avvenimenti inspiegabili che caratterizzano la vita, uno di questi riguarda proprio le sparizioni. E’ un dolore perpetuo che trae la sua linfa vitale allo stesso modo dalla speranza e dalla rassegnazione. Non sapere, infatti, è un tarlo continuo che annebbia e a lungo andare può condurre alla pazzia.

Holly oggi

L’uomo – per quanto si dica e si enfatizzi il contrario – non è fatto per ignorare o per vivere con domande irrisolte. Ma cosa accade quando passa così tanto tempo che perfino la volontà di proseguire e sapere come stanno le cose vacilla irrimediabilmente? Arriva una risposta, un miracolo o forse una magia totalmente inaspettata. Proprio come è accaduto in Oklahoma dove una donna ha fatto – a sua insaputa – i conti col passato.

Dopo 41 anni di indagini e mistero, infatti, uno dei casi statunitensi più intricati di sempre è stato straordinariamente risolto. Baby Holly è viva, sta bene ed è mamma di cinque bambini. Ma facciamo un passo indietro e cerchiamo di capire cosa sia accaduto in Texas nel lontano 1981.

L’incredibile storia di Baby Holly

Siamo a Houston, in Texas. Sembrava che Baby Holly fosse stata inghiottita dalla Terra, tanto pensare, 41 anni dopo, che anche lei fosse morta. Nel 1981, infatti, furono ritrovati i corpi di una donna e di un uomo, la cui identità è rimasta avvolta nel mistero fino al 2021. L’anno scorso, grazie alle nuove tecnologie genetiche, quei corpi sono stati associati ad un nome e cognome.

Holly ad un anno

Si trattava di Tina e Harold Clouse, genitori di una bambina di appena un anno, la piccola Holly, della quale non si è saputo più nulla fino a qualche ora fa. Pare, infatti, che, secondo la ricostruzione della polizia, due donne appartenenti a un gruppo religioso nomade abbiano abbandonato la bambina sia stata abbandonata sui gradini di una chiesa che è stata poi adottata da una famiglia dell’Arizona.

“È stata localizzata, è viva e sta bene”, hanno affermato le autorità del Texas che hanno risolto, dopo 41 anni, il caso di Holly. La “bambina”, però, ora ha 42 anni, è madre di cinque figli e vive in Oklahoma. Per Holly però è stato uno shock, ha appresso infatti di essere proprio quella bambina quando la polizia è andata a trovarla al lavoro per farle alcune domande.

Ora le autorità locali stanno indagando sulle due donne, coinvolte probabilmente nell’omicidio dei genitori di Holly. Per quanto riguarda la coppia di genitori adottivi, invece, Brent Webster, primo vice procuratore generale del Texas, ha escluso la loro complicità sulla morte di Tina e Harold Clouse.

Se si può imparare qualcosa da questa incredibile storia, forse è la costanza mista alla speranza. In Italia, ad esempio, sono tanti i casi di persone scomparse ormai da tanto tempo, a cominciare proprio da Denise Pipitone, la bambina di 4 anni di Mazara del Vallo che si pensava l’anno scorso potesse essere quella giovane donna russa. Ma così non è stato.

Ma oltre a Denise, anche la storia di Madeleine McCain, la bambina britannica scomparsa in Portogallo, tiene ancora banco, malgrado in molti ritengano che l’unico sospettato, Christian B., l’abbia uccisa. Un altro caso irrisolto riguarda la figlia di Al Bano e Romina Power, Ylenia Carrisi, scomparsa nel 1994 a New Orleans.