Harry e Meghan, non gliene va bene una: nuovo smacco per colpa di uno zainetto – cos’è successo stavolta?

Non è decisamente un buon periodo per Harry e Meghan, dopo il sempre più marcato distacco con i parenti reali, dalla Regina Elisabetta a William, ora i Duchi di Sussex hanno addirittura perso una causa

Cosa accomuna Harry, il Duca di Sussex, ed uno zainetto per studenti? Nulla fino alla sentenza arrivata nelle ultime ore, un duro colpo per lui ma anche per la consorte Meghan Markle arrivato in un periodo già di per sè tutt’altro che positivo per la coppia. Ma facciamo un passo indietro: l’ex coppia reale tornata negli Stati Uniti dopo i cinque giorni trascorsi nel Regno Unito, nel corso dei quali è parsa evidente la sempre maggiore distanza con i parenti di Buckingham Palace, dal fratello William alla stessa Regina Elisabetta, Harry e Meghan si sono ritrovati un’altra brutta sorpresa.

La decisione del giudice
Harry e Meghan, nuovo smacco per i duchi di Sussex (Fonte Facebook)

Harry e Meghan, nuovo smacco per i duchi di Sussex

Hanno infatti perso la causa contro uno storico marchio italiano, che si è fermamente opposto ad una loro specifica richiesta: stiamo parlando di Invicta, brand di zaini e zainetti per studenti, che non ha preso bene la decisione dei Duchi di depositare il marchio “invictus Games”, portando la questione in tribunale. E, smacco totale per Meghan e marito, il giudice ha dato ragione proprio all’azienda, di fatto cancellando il marchio pensato dalla coppia per la creazione di una linea di gadget ed abbigliamento da presentare durante gli omonimi giochi.

Il giudice dà ragione a Invicta, brutto colpo per Harry e Meghan

E così dopo aver ricevuto un secco no dalla Regina Elisabetta in merito alla possibilità di una foto ricordo durante il suo primo incontro con la nipotina Lilibet, Harry e Meghan si sono ritrovati contro anche un giudice il quale ha ritenuto che l’iniziativa commerciale avrebbe potuto potenzialmente danneggiare Invicta a causa della grande somiglianza tra i due termini che, indicati sugli zainetti distribuiti ai giochi dedicati, dal 2014 ai veterani di guerra con disabilità, avrebbero potuto disorientare il pubblico nelle sue scelte d’acquisto.

Di fatto è stato proibito loro di utilizzare tale logo sui capi d’abbigliamento in quanto, come segnalato da The Times che ha riportato i dettagli della sentenza, “potrebbero essere intese come versioni alternative della stessa parola di derivazione latina”.

Harry e Meghan tribunale
Harry e Meghan, la decisione che fa storcere il naso a molti

I precedenti

E tornando indietro nel tempo si scopre che non è nemmeno la prima volta che accade loro un fatto simile. Un precedente si è infatti verificato nel 2020 quando la Regina Elisabetta impedì ad Harry di depositare il marchio “Sussex Royal”, un altro smacco pesante per lui e per la moglie.

Ma non è tutto perchè Meghan Markle, successivamente, ha fatto conoscere la sua intenzione di inoltrare, all’ufficio Brevetti e Marchi degli Stati Uniti, la richiesta di depositare “Archetypes”. Con tale nome avrebbe infatti voluto intitolare il suo nuovo podcast dedicato agli stereotipi. Anche in questo caso però nulla di fatto per la Duchessa: il termine di origine greca, come sottolineato dal Daily Mail, è troppo antico essendo in uso da 470 anni nella lingua inglese.

Inoltre è troppo comune e questo implica che avrebbe, depositandolo, rischiato di finire a processo con diversi brand o aziende pronti a sostenere la loro causa portando la moglie di Harry in tribunale. Invictus dunque è un terzo nulla di fatto per i Sussex che dovranno pensare ad un nuovo nome da depositare ed utilizzare come logo sui loro capi di abbigliamento.