Se ne va a 69 anni Claudio Ghezzi, storico alpinista italiano: dramma ad alta quota – cosa è accaduto?

Una notizia tragica giunge dalla montagna della Grigna settentrionale. L’alpinista Claudio Ghezzi è precipitato mentre stava soccorrendo una donna in difficoltà con i suoi figli piccoli. Mondo dell’alpinismo in lutto.

La sua incredibile esperienza non è bastata questa volta. Se ne va Claudio Ghezzi, storico alpinista italiano, in seguito a una caduta da un’altezza di 20 metri durante la ferrata al Sasso dei Carbonari sulla Grigna settentrionale, una delle vette più famose presenti in provincia di Lecco. Questo posto era conosciuto dallo scalatore come le sue tasche. Aveva, infatti, scalato la cima della Grigna oltre 6 mila volte.

Claudio Ghezzi alpinista deceduto
Lo storico alpinista Claudio Ghezzi in una foto d’epoca, dopo essere stato celebrato per le sue 5 mila scalate del Grignone – NewNotizie

Ghezzi era già arrivato in vetta al rifugio Brioschi, posto a 2.403 metri. Dopo qualche minuto, però, ha sentito la richiesta d’aiuto di una donna impegnata anch’essa nella scalata con i figli piccoli. L’alpinista non ha esitato nello scendere dalla vetta per portare la sua esperienza e l’aiuto alla donna in difficoltà. Le sue parole dette al gestore del Brioschi sono state: “Scendo ad aiutare un’amica. È con i figli piccoli e la salita è impegnativa. Ci vediamo dopo”.

Ma Ghezzi non ha fatto più ritorno in vetta. Nonostante la sua incredibile esperienza su quella montagna, ha messo un piede in fallo su una roccia instabile. L’uomo è precipitato per oltre 20 metri e per lui non c’è stato proprio nulla da fare. Per prestare soccorso a Ghezzi sono arrivati i soccorsi da terra e un elicottero da Como, ma tutto è stato inutile. Se n’è andato “il re della Grigna”, come era soprannominato nella zona.

Lutto nel mondo dell’alpinismo: incidente fatale per il 69enne Claudio Ghezzi

Come detto, Claudio Ghezzi aveva scalato quella montagna più di 6 mila volte, un numero record da quelle parti. Nel 2019 proprio sul Grignone si era reso protagonista del salvataggio di un uomo rimasto intrappolato e senza più i ramponi.

Morto Claudio Ghezzi
L’alpinista Claudio Ghezzi muore dopo una caduta di 20 metri. Mondo dell’alpinismo in lutto – NewNotizie

Oltre a essere noto in quella zona, Claudio Ghezzi nel corso della sua lunghissima carriera da scalatore aveva vissuto anche esperienze all’estero. Infatti, era stato diverse volte in Nepal, Tibet, Pakistan, Cina, Bolivia e in molti altri Paesi. Tantissimi i messaggi sui social in ricordo dell’uomo, considerato da tutti una vera e propria leggenda.

Queste le tristi parole di Alex Torricini, il gestore del Brioschi, il rifugio ubicato sulla vetta del Grignone: “Credo che ci renderemo davvero conto che non c’è più solo domani quando non lo vedremo arrivare con lo zaino sulle spalle e il sorriso in volto. Aveva le chiavi del rifugio e stavamo preparando la festa per i suoi 70 anni: li avrebbe compiuto il 4 luglio. Quando ci siamo accorti che non tornava e abbiamo visto l’elicottero abbiamo capito che doveva essere accaduto qualcosa di terribile”.

Il fotografo Alberto Locatelli ha ricordato Ghezzi, facendo notare come egli fosse sempre disponibile ad aiutare il prossimo in qualsiasi situazione: “Non mi sorprende che sia precipitato mentre stava aiutando qualcuno. Lui era così: altruista, generoso, preparato”.