“In guerra non esistono buoni e cattivi”: ecco cosa pensa Papa Francesco di Nato e Putin

Papa Francesco ha rilasciato dichiarazioni molto forti e significative. Ecco cosa pensa della guerra fra Ucraina e Russia. Il pontefice ha esposto anche alcune critiche alla Nato.

Papa Francesco è stato intervistato da Antonio Spadaro, il direttore de ‘La Civiltà Cattolica’. Le sue parole sono state molto forti, tanto da essere riportate oggi da tutti i giornali e dai siti di informazione. Il pontefice ha – come ovvio che sia – parlato della difficile situazione internazionale. Una guerra che sta portando morte e distruzione in un Paese sconvolto e pieno di persone indifese.

Papa Francesco dichiarazioni
Papa Francesco – NewNotizie

Il papa ha detto che non esistono buoni o cattivi in guerra e si augura che l’instabilità possa presto cessare. Ma purtroppo è anche lui convinto che la difficile questione internazionale sia un qualcosa di molto lungo, tanto da ammettere: “Il mondo è in guerra. Per me oggi la terza guerra mondiale è stata dichiarata”.

Parole molto forti quelle rilasciate da Papa Francesco. Ma esse non sono state le uniche che stanno facendo parlare e discutere in queste ore. Infatti, il pontefice ha anche detto: “Dobbiamo allontanarci dal normale schema di ‘Cappuccetto rosso’: Cappuccetto rosso era buona e il lupo era il cattivo. Qui non ci sono buoni e cattivi metafisici, in modo astratto. Sta emergendo qualcosa di globale, con elementi che sono molto intrecciati tra di loro. Un paio di mesi prima dell’inizio della guerra ho incontrato un capo di Stato, un uomo saggio, che parla poco, davvero molto saggio. E dopo aver parlato delle cose di cui voleva parlare, mi ha detto che era molto preoccupato per come si stava muovendo la Nato”.

Papa Francesco non fa distinzioni: “Non si può ridurre la guerra a buoni e cattivi”

Un attacco, quindi, molto forte non solo alla Russia, ma anche alla Nato. Papa Francesco, infatti, ha smentito categoricamente di essere a favore della Russia, ma semplicemente è stato portavoce dell’idea di quanto sia sbagliato fare distinzioni tra buoni e cattivi in guerra.

Papa Francesco
Ecco cosa pensa Papa Francesco della guerra – NewNotizie

Questo concetto è stato spiegato così dal pontefice: “Qualcuno può dirmi a questo punto: ma lei è a favore di Putin! No, non lo sono. Sarebbe semplicistico ed errato affermare una cosa del genere. Sono semplicemente contrario a ridurre la complessità alla distinzione tra i buoni e i cattivi, senza ragionare su radici e interessi, che sono molto complessi. Mentre vediamo la ferocia, la crudeltà delle truppe russe, non dobbiamo dimenticare i problemi per provare a risolverli. È pure vero che i russi pensavano che tutto sarebbe finito in una settimana. Ma hanno sbagliato i calcoli. Hanno trovato un popolo coraggioso, un popolo che sta lottando per sopravvivere e che ha una storia di lotta”.

Il papa ha anche detto di non dimenticare le altre guerre in atto nel mondo: “Ci sono altri Paesi lontani – pensiamo ad alcune zone dell’Africa, al nord della Nigeria, al nord del Congo – dove la guerra è ancora in corso e nessuno se ne cura. Pensate al Ruanda di 25 anni fa. Pensiamo al Myanmar e ai Rohingya. Il mondo è in guerra. Qualche anno fa mi è venuto in mente di dire che stiamo vivendo la terza guerra mondiale a pezzi e a bocconi. Ecco, per me oggi la terza guerra mondiale è stata dichiarata. E questo è un aspetto che dovrebbe farci riflettere”.