Cos’è Dall-e, l’intelligenza artificiale divertente da utilizzare – Ecco come funziona

Scopriamo in cosa consiste Dall-e, come funziona e per quale ragione l’IA è diventata in breve tempo un fenomeno virale sul web.

I giganti della tecnologia lavorano ormai da diverso tempo alla creazione di Intelligenze Artificiali che siano in grado di accumulare sempre più concetti e, partendo da queste nozioni inserite, riuscire a creare collegamenti sempre più complessi e simili a quelli che è in grado di compiere la mente umana. Uno dei progetti più interessanti in tal senso si chiama Dalle 2 ed è un’intelligenza artificiale sulla quale sta lavorando Google.

Dall e MiniCiò che rende interessante l’IA di Google è la capacità di riuscire a trovare e ricreare le immagini della persona o dell’oggetto cercato solo tramite l’inserimento di alcune parole chiave scritte dall’utente che interaggisce. Basandosi dunque su delle informazioni che possiede, Dalle è in grado di ricreare l’immagine della cosa che stiamo cercando esattamente come fa la nostra memoria quando pensiamo a quel dato oggetto o quella persona.

Cos’è Dall-e mini e perché è diventato un fenomeno virale sul web

Lo scorso luglio 2021, alcuni sviluppatori hanno presentato il proprio progetto di IA ad un concorso Google. Tra questi è spiccato Dall-e Mini, il progetto sviluppato da Boris Dyama e adesso rilasciato come Open Ai sul portale GitHub. Il funzionamento della sua IA è del tutto simile a quello del progetto Google dal quale mutua quasi per intero il nome, ovvero l’IA è in grado di creare delle immagini seguendo le indicazioni che gli vengono fornite. Scrivendo ad esempio Papa, Nasa, Spazio, avremo delle immagini di Francesco sulla Stazione Spaziale Internazionale. O ancora, scrivendo Steve Jobs, Apple, potremmo ottenere l’immagine del creatore dell’iPhone con in mano una mela.

A rendere popolare l’OpenIA non è stata solo la possibilità di creare delle immagini da semplici parole, ma i risultati peculiari che si ottengono. Dall-e ha un hardware limitato e prendere le immagini senza licenza che si trovano già sul web per creare l’immagine richiesta. Capita dunque che i risultati siano associazioni peculiari e divertenti. Inoltre i volti delle persone inserite nei disegni sono super deformed e sfocati, dettaglio che ha attirato ulteriore curiosità negli utenti web.

Non sappiamo se quella dei visi deformed e sfocati sia una scelta dello sviluppatore per incuriosire il pubblico o per evitare che le combinazioni create potessero risultare offensive, fatto sta che l’attenzione generata dalle creazioni artistiche di Dall-e è funzionale al suo sviluppo: più ricerche e richieste vengono fatte, più l’IA apprende e si sviluppa per avvicinarsi al suo stato definitivo.