Nudo davanti alla Regina: Elisabetta sotto shock – è successo durante un Royal Ascot

Un Royal Ascot assolutamente indimenticabile per la Regina. No, non stiamo parlando dell’ultimo di questa settimana. Ma di quando un certo Mark Roberts, infatti, ha saltato la recinzione nudo, eludendo la sicurezza, per galoppare lungo la pista con la scritta “Lady Muck” sul petto.

L’iconico festival di corse di cavalli Royal Ascot è tornato questa settimana con migliaia di scommettitori che si sono recati all’ippodromo del Berkshire. È la prima volta in tre anni, dal 2019, che le persone possono prendere parte e partecipare alle corse dopo la pandemia.

Terrore in volo per la Regina Elisabetta II

Persino il principe Andrea avrebbe voluto presenziare programmando una sua visita ufficiale al Royal Ascot dopo aver saltato i festeggiamenti per il Giubileo di Platino della Regina a causa del Covid. Ma Carlo e William, insieme alla Regina, hanno proibito ad Andrea qualsiasi apparizione pubblica, anche quella per il Nobilissimo Ordine della Giarrettiera, il più antico ed elevato ordine cavalleresco del Regno Unito.

Insomma, si tratta di un evento mondano importantissimo e di tutto rispetto, anche se in passato si è reso teatro di alcuni episodi singolari. Proprio come è accaduto nel lontano 2003, quando un certo Mark Roberts decise di galoppare nudo lungo la pista, davanti alla Regina, con i suoi personalissimi gioielli della corona in bella vista.

Una particolare giornata fra signore

Per l’occasione Mark Roberts si era anche travestito con abiti femminili: un lungo vestito nero ha accompagnato il suo ingresso trionfale in campo. Si trattava, infatti, di una corsa per sole signore. Poco prima dell’inizio della gara per la Coppa d’Oro però, il signor Roberts si è tolto il vestito dirigendosi verso la pista a favore di tribuna.

Mark Roberts

Aveva scritto sul petto le parole “Lady Muck“, un’espressione total british che sta a significare “una donna che pensa di essere molto importante e dovrebbe essere trattata meglio di chiunque altro”, come si legge sul Cambridge Dictionary. Ovviamente l’esibizione di Mark Roberts è durata pochi secondi, è stato rapidamente rimosso dal campo, ma tanto è bastato per renderlo leggendario anche dopo tanti anni.

Come riportato dal quotidiano inglese ‘Daily Star’, all’epoca Roberts commentò così la sua invasione di campo: “Probabilmente pensavano che fossi una puttana ubriaca“. Ma ha aggiunto, però, che si è trattato di un evento “terribilmente tranquillo”, anche se la sua corsa lungo la pista aveva entusiasmato sin da subito la folla. “Non appena mi sono tolto i vestiti e il reggiseno, le donne sono scoppiate in uno squittio di risate”, ha aggiunto Roberts.

“Era come se fossi in una lunga serata di addio al nubilato… il brusio che era davvero straordinario”, ha ricordato ancora. Ma per Mark Roberts l’invasione di campo del 2003 al Royal Ascot non è stata l’unica della sua “carriera”. Tre anni dopo, infatti, alla Ryder Cup del 2006, si è fatto una lunga corsa sul campo nudo, con solo uno scoiattolo giocattolo a coprire il suo pene ed una pallina da golf tra le natiche, il tutto mentre Tiger Woods stava iniziare la sua partita.

Ma Roberts ha preso parte anche al Super Bowl in Texas, alle Olimpiadi. ad una finale di UEFA Champions League e agli ultimi 100 metri di Usain Bolt. Insomma, non si può di certo dire che non sia un tipo sportivo.