In arrivo oltre 500€ per i lavoratori: ecco chi può richiedere il bonus e come

Rientrate tra i lavoratori che possono richiedere il bonus di 500 euro? Non vi resta che continuare a leggere per scoprirlo.

Per chi ancora non ne fosse a conoscenza, giovedì 14 luglio è stato approvato il voto di fiducia del governo Draghi, anche se il Movimento 5 stelle aveva deciso di non partecipare.

banconote 500 euro
Foto da Canva

Questo ha creato la crisi di governo, che ha causato le dimissioni del premier e quindi la fine del mandato. Nel frattempo però è stato approvato un decreto che avrò un impatto significativo sul conto corrente di molti lavoratori. Scopriamo insieme i dettagli.

Bonus da 600 euro: a chi spetta?

Il decreto approvato dal Senato prevede uno stanziamento di 30 milioni per il bonus 550. Ma di cosa si tratta esattamente? In poche parole è un bonus usufruibile una tantum dai lavoratori che nel corso nel 2021 hanno lavorato con un contratto a integrazione verticale (cioè chi lavora su base non permanente)  Ma vediamo più da vicino come funziona il nuovo supporto.

donna con soldi
Foto da Canva

Oltre al bonus di 200 euro per i dipendenti e i pensionati, anche il bonus di 550 si eroga in un’unica soluzione. Questo sostegno è disponibile per i dipendenti part-time che hanno firmato un contratto circolare verticale, cioè un contratto che prevede l’inattività per almeno un mese continuativo per un totale non minore di sette o non maggiore di 20 settimane, sempre nell’anno 2021. Per avere diritto a questa prestazione, il lavoratore non deve avere avuto un altro tipo di contratto di lavoro nello stesso periodo e non deve percepire altri redditi, come la pensione o l’assistenza alla disoccupazione. I requisiti per il bonus saranno definiti al momento della promulgazione dell’ordinanza speciale di esecuzione.

Come previsto dal Decreto, è possibile richiedere il bonus telematicamente. Basta presentare la domanda. Il modulo sarà disponibile sui i portali istituzionali dell’Inps. Come sempre vi servirà uno di questi strumenti: Spid, Carta di Identità Elettronica o Carta Nazionale dei Servizi. È possibile farlo anche attraverso il servizio di call center integrato, componendo il numero verde 803 164 da telefono fisso (gratuito) o lo 06 164164 da telefono cellulare (a pagamento secondo le tariffe del relativo operatore di rete). Sarà possibile presentare la domanda anche attraverso i patronati e gli agenti fiscali.

Il bonus previsto di 550 euro terrà in considerazione il rapporto tra il numero di giorni di lavoro e il numero di giorni di sospensione da quest’ultimo. Questo contributo è pagato dall’INPS e non concorre al reddito. In base alla modifica, il bonus non sarà soggetto a contributi, mentre sarà compatibile con il bonus di 200 euro. Non è ancora possibile fare domanda. Bisogna attendere il decreto attuativo e poi la circolare dell’Inps con le istruzioni su come fare domanda.