Charlene di Monaco ritrova il sorriso, ma restano alcuni dubbi: un’opera alimenta il gossip

Anche se nuovamente immersa nella sua fitta agenda da first lady monegasca, la moglie del principe Alberto è riuscita a ritagliarsi del tempo con uno dei progetti che la entusiasmano di più

Nelle ultime settimane non sono mancate le apparizioni in pubblico della principessa Charlène di Monaco, che, insieme al marito Alberto, ha ripreso a prendere parte ad eventi mondani ed iniziative di vario tipo, mostrandosi in tutto il suo splendore e sfoggiando meravigliosi look. Quello che talvolta è mancato è stato però il suo scintillante sorriso, che però la first lady monegasca sembra aver di recente definitivamente ritrovato grazie ad uno dei progetti che la entusiasmano di più. Nonostante una fitta agenda colma di impegni, la principessa ha sviluppato la sua prima collezione di NFT, ovvero di ‘token non fungibili’ cioè, in buona sostanza, opere digitali, allo scopo di raccogliere fondi per aiutare i bambini del suo paese d’origine, il Sud Africa.

Il suo volto su una splendida opera
Charlène di Monaco, sorriso ritrovato per una buona causa / Fonte Instagram

Charlène di Monaco, sorriso ritrovato per una buona causa

Ebbene sì perchè Charlène Lynette Grimaldi è nata a a Bulawayo, in Rhodesia (odierno Zimbabwe); qui il padre, Michael Kenneth Wittstock, era proprietario di un’industria tessile. In seguito si è trasferita nel 1989 a Benoni, in Sudafrica. Solo nel 2011 il padre, profondamente legato alla sua terra, ha annunciato la possibilità di trasferire a Monaco la famiglia. E proprio aver trascorso l’infanzia in Africa è stato per Charlène un elemento chiave nello spingerla, da adulta, ad adoperarsi in favore dei bambini più poveri nei Paesi in via di sviluppo.

Da qui l’idea, realizzata in collaborazione con il golfista sudafricano Louis Oosthuizen, di dar forma ad opere digitali, immagini, video, audio o altri file, che possano, attraverso la vendita, consentire di raccogliere denaro. I benefici economici generati andranno alla fondazione della principessa, che, come affermato dalla stessa Charlène lavora a “un progetto che aiuterà le comunità in via di sviluppo ad avere accesso al cibo. Questo è di vitale importanza per i bambini da uno a sei anni”.

Il progetto della principessa per raccogliere fondi

Nella didascalia in accompagnamento al video che mostra la sua opera, ha scritto: “Entusiasta della mia prima collezione NFT, commissionata per il mio progetto #feed2gether in collaborazione con @louisoosthuizen57. Grazie all’artista Junaid Se´ne´chal-Senekal che ha messo il suo cuore e la sua anima in questa creazione, così come la sua salute per il digiuno per l’intera durata di questo lavoro, facendo questo ha vissuto una realtà tragica per molti e qualcosa che la maggior parte dà per scontato ogni giorno, e sottolinea l’importanza di questo progetto”. Lei di fatto si è prestata come modella per questo ritratto, un’opera in bianco e nero, con poche aggiunte di colore, nella quale è ritratta come se si trovasse dietro le sbarre.

Il denaro raccolto destinato ai bimbi che non hanno accesso al cibo
I dubbi sull’opera di Charlène: “Perchè non sorride?” / Fonte Instagram

I dubbi sull’opera di Charlène: “Perchè non sorride?”

Anche se la finalità del ritratto è rappresentare, con una sorta di metafora, le difficoltà di accesso al cibo per le popolazioni di diversi paesi sudafricani, la reazione degli utenti è stata abbastanza diversificata e c’è chi ha sottolineato che il ritratto susciti una certa inquietudine e che potrebbe addirittura ‘raccontare’ un disagio interiore della principessa, come se lei stessa si trovasse in prigione dopo essere tornata a Montecarlo riprendendo i suoi compiti istituzionali. Sensazioni generali che però difficilmente potrebbero corrispondere al vero, proprio perchè il senso dell’opera è un altro e, in questo caso, non è certo quello di rendere Charlène protagonista ma di utilizzare la sua immagine come mezzo per sostenere i bimbi più poveri all’altro capo del mondo.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da HSH Princess Charlene (@hshprincesscharlene)