Hulk è morto a 55 anni: se ne va Valdir Segato, vero fenomeno web – aveva un milione e mezzo di follower su TikTok

L’Hulk brasiliano sapeva bene i rischi per la sua salute, eppure ha deciso di perseguire ugualmente il suo “sogno”, anche a costo della morte. 

E’ morto a 55 anni Valdir Segato, il bodybuilder brasiliano seguito su TikTok da ben 1.6 milioni di follower, diventando, in poco tempo una star dei social. Segato, infatti, era ormai da tempo virale su TikTok, per le sue iniezioni di olio per gonfiare i muscoli a dismisura. Aveva un sogno e lo ha seguito fino all’ultimo: diventare come Hulk, anche a costo della morte.

Valdir Segato
Fonte: Instagram @valdirsegato.oficial

Nato e cresciuto a San Paolo, il 55enne aveva preso ispirazione sia dal fisico di Arnold Schwarzenegger negli anni Ottanta sia da alcuni personaggi dei fumetti. Hulk era la sua massima aspirazione, nonché modello da seguire. Malgrado però i muscoli esagerati e iper pompati, Segato era orgoglioso di essere riconosciuto per strada, anche se era stato soprannominato “il mostro”, a causa dei suoi bicipiti che potevano mettere in soggezione.

Il bodybuilder, infatti, era ossessionato dallo stato dei suoi muscoli che dovevano apparire sempre turgidi, pompati e al massimo della forma e dell’estensione. Segato, però, sapeva molto bene lo stress a cui stava sottoponendo da anni ormai il suo corpo, eppure nemmeno il rischio di ictus, amputazione degli arti e infezioni hanno impedito all’Hulk di San Paolo di iniettare synthol – sostanza oleosa composta al 95% da acidi grassi non assimilabile dal corpo umano – per pompare i pettorali e qualsiasi altro muscolo presente sul suo corpo.

La morte di Hulk

A raccontare la scomparsa di Valdir Segato, come riportato da ‘Dagospia’, è stato il vicino Moisés da Conceição da Silva che ha raccontato ai media locali come l’Hulk brasiliano  avesse affittato a Ribeirao Preto, nel sud-est del Brasile, una piccola villetta costruita sul retro della casa della famiglia da Silva. Una mattina però, Moisés ha sentito qualcuno avvicinarsi affannosamente e frettolosamente alla sua finestra. Era proprio Valdir Segato che chiedeva aiuto, si sentiva male e non riusciva più a respirare, come se qualcuno avesse prelevato tutta l’aria circostante e nei suoi polmoni che avevano smesso di funzionare.

Morto a 55 anni
Fonte: Instagram @valdirsegato.oficial

“Erano circa le 6 del mattino. È venuto strisciando e ha bussato alla finestra di mia madre. Quando lei si è svegliata, lui ha detto ‘aiutami, aiutami. Sto morendo’“, ha spiegato da Silva trovandosi a terra il grosso Hulk, in una sorta di caduta degli eroi. Moisés e sua madre, quindi, hanno chiamato i soccorsi per salvare la vita al loro vicino di casa. Purtroppo, però non c’è stato nulla da fare.

Valdir Segato è stato portato d’urgenza al North Emergency Care Unit, ma qualsiasi tentativo di rianimazione si è rivelato inutile. Come riportato sempre da ‘Dagospia’, il fratello di Moisés, Jadson da Conceição, ha spiegato a “O Globo” come la richiesta di aiuto dal parte del bodybuilder non fosse in realtà la prima. Già altre volte, infatti, Segato aveva chiesto alla famiglia da Silva di chiamare i soccorsi, sempre perché non riusciva a respirare. Tuttavia, questa si è rivelata letale per il 55enne che ora può riposare certo di essere ricordato proprio come Hulk.