Sai quanto costa una spremuta di Cracco? Lo scontrino fa il giro del mondo

Dopo le ultime lamentele sul costo della pizza, al ristorante di Cracco si accende una nuova polemica: merito di un particolare scontrino

Il ristorante di Carlo Cracco, sito in Corso Vittorio Emanuele a Milano, è una delle mete più ambite dai visitatori della città. Questo è dovuto non solo al nome prestigioso di cui gode il locale, ma anche per la fama dello chef, che ha presenziato per diversi anni nei programmi televisivi di cucina più noti che ci siano…

cracco polemica aranciata
Foto da instagram @craccogalleria

Il ristorante, però, è stato oggetto anche di diverse polemiche per via dei due prezzi non proprio a portata di portafogli. La più ricordata è quella relativa alla famosa pizza margherita.

Il tutto partì da un ospite del ristorante, che pubblicò lo scontrino del pasto, creando un vero e proprio caso: a risaltare all’occhio, infatti, fu il prezzo della pizza, che ammontava a ben 22 euro.

L’acqua, a sua volta, non era proprio economica, in quanto costava 7 euro: il totale, dunque era pari a 29 euro. Una cifra esorbitante e che ha suscitato l’indignazione di molti sul web: ebbene, la storia si è ripetuta e, ancora una volta, non è passata inosservata…

Carlo Cracco, ecco quanto fa pagare una spremuta da arancia

A riaprire un nuovo caso in merito ai prezzi della galleria di Cracco è stato un altro utente, che ha pubblicato sul web lo scontrino del suo “aperitivo”. Ancora una volta, i prezzi esorbitanti hanno fatto discutere e non poco: in basso, troverai la foto dello scontrino in questione.

scontrino aranciata cracco
Foto da Instagram

A riaccendere la polemica è stato il prezzo della spremuta d’arancia, che ammonta a ben 9 euro. Avendone ordinate tre, i commensali sono arrivati a spendere 27 euro per sole tre spremute.

Allo stesso modo, non le hanno mandate a dire anche per anche l’acqua: per una bottiglia da 0.75 cl, gli ospiti hanno dovuto sborsare ben 7 euro. Idem per il San Pellegrino, sempre dello stesso formato.

Il totale è ammontato a ben 41 euro e la cosa ha letteralmente diviso in due il web: da una parte, c’è chi ha aspramente criticato i prezzi del ristorante, considerati del tutto poco abbordabili, dunque inaccettabili.

D’altro canto, invece, c’è chi ha difeso lo chef ed il suo ristorante, affermando che in un ristorante stellato è giusto trovare dei prezzi di quel tipo. O ancora, che se non si è d’accordo con il listino prezzi della galleria, basta cambiare strada ed evitare di andarci.

E voi da che parte state?