Incubo spesa, ecco i cibi da evitare: loro più di tutti hanno raggiunto cifre stellari

Se ormai la spesa è diventata un incubo per voi, fareste bene anche a evitare certi prodotti che, più di tutti, risentono del peso dell’inflazione. 

Lo sappiamo, persino fare la spesa ormai è diventato un lusso non indifferente. Se prima, infatti, con 50 euro a settimana riuscivamo a riempire abbastanza il carello, ora con la stessa cifra riusciamo a comprare molte meno cose. La crisi economica, frutto della guerra in Ucraina ha avuto, come era logico che fosse, ha delle ripercussioni anche sulla nostra economia.

Incubo spesa
Fonte: Canva

Il caro energia, infatti, non è un fenomeno a sé stante, ma ha avuto le sue conseguenze più disastrose proprio nella filiera produttiva. Dai raccolti fermi al porto di Odessa ai trasporti, tutto è sotto il segno dell’inflazione, la stessa che poi ritroviamo tra i vari scaffali del supermercato. E non sono esenti dal caro vita nemmeno i beni di prima necessità come pasta e acqua.

Insomma, ora più che mai le offerte sono nostre care amiche. Ma non è detto che siano sempre sufficienti, soprattutto se per fare la spesa si è costretti a prendere la macchina e mettere la benzina a due euro al litro. Stiamo parlando, come direbbe il buon caro Alberto Angela, di una tragedia nella tragedia. Giusto per renderci conto, nel caso in cui ancora non fosse del tutto chiaro, della terribile difficoltà economica che stiamo attraversando, il carovita è simile a 40 anni fa. All’epoca però c’erano le lire, ovvero una differenza non da poco.

Stando agli ultimi dati dell’Istat di luglio, però, pare che la situazione generale stia subendo un lieve rallentamento. Tuttavia, la spesa resta carissima, con un +9,1%, aumento questo così vertiginoso, che non avveniva da settembre 1984, quando ancora esisteva l’Unione Sovietica, la Germania era divisa in due e l’Italia non aveva sperimentato il soft porn serale di “Colpo Grosso”. Insomma, per rispondere alla domanda di Raf che cantava “Cosa resterà di questi anni Ottanta?”, potremmo dire sicuramente l’inflazione.

Sos spesa: quali cibi sarebbe meglio evitare?

Ma tornando alla domanda principe dell’articolo, per fare la spesa in serenità, quali cibi dovremmo evitare al supermercato per far riposare il nostro portafoglio? Questa notizia vi sconvolgerà, eppure non dovreste comprare assolutamente olio che non sia EVO. Abbiamo visto, infatti, quanto l’olio di semi di girasole abbia subito un aumento incredibile a causa della guerra che ha fatto schizzare il prezzo, rispetto al luglio 2021, del 66% in più. Stiamo parlando di un incremento complessivo, solo per l’olio, di 16,08 euro a famiglia.

Prodotto più caro
Fonte: Canva

Ma non finisce qui. Anche il burro ha subito un’impennata del 31,9%, così come la farina col 21,5% in più. In entrambi i casi, si paga per due beni di prima necessità quasi 9 euro in più. E anche la pasta, fresca o secca poco cambia, a causa del problema del grano in Ucraina, paga un rincaro importante del 21,1%. Insomma, in questo modo solo i prodotti alimentari contribuiscono ad una spesa pari a 529,50 euro. Ma anche la frutta, malgrado non rientri tra i 20 prodotti più cari in assoluto, registra un +8,4%, costando quasi 50 euro in più.