La grattachecca più buona di Roma? Finalmente abbiamo un vincitore ufficiale

Ti sei mai chiesto chi fa la grattachecca più buona a Roma? Abbiamo un vincitore per te e te lo mostriamo subito.

Se capiti in giro per la capitale e hai voglia di una granita, ti diciamo noi da chi andare per assaggiare quella più buona in assoluto.

grattachecca
Foto Canva

Sapete da dove deriva il termine “gratta checca”? Si tratta di un’incitazione e proviene addirittura dall’antica Roma. Un uomo chiedeva alla moglie di grattare la checca ovvero il blocco di ghiaccio che si conservava sui monti sotto terra per poter poi preparare la gustosa granita. Una bevanda rinfrescante composta da ghiaccio e sciroppo che viene venduta in spiaggia e in strada.

Grattachecca a Roma, chi vende quella più buona? Te lo sveliamo

Una storia passata quella della granita che però ancora oggi è una delle pietanze più consumate dagli italiani d’estate. C’è chi la preferisce a menta, chi a limone, chi all’orzata, ma ci sono anche tantissimi gusti sempre nuovi, naturali o meno, che rendono la grattachecca sempre in voga. 

Nel passato Plinio il Vecchio descriveva la granita come “una bevanda composta da ghiaccio finemente tritato e miele con un’altra porzione di ghiaccio e succo di frutta”. Ad amarla però non sono stati solo i romani. Anche Caterina de’ Medici era matta di questa bevanda. Con il Rinascimento, la bevanda romana, cominciò a conquistare tutta Italia fino ad arrivare ovunque e ad assumere nomi diversi.

grattachecca
Foto Canva

Sul Treccani infatti il nome corretto è ‘ghiacciata’, ma viene nominata anche granata, a Napoli “rattata” o “cazzimbocchio”, anche a Palermo un nome simile “grattatela”. Insomma in ogni posto del paese ha assunto nomi diversi in base ai dialetti. In passato, negli anni Cinquanta, l’ambulante la gettava nelle mani dei bambini perché non esistevano i monouso.

Se siete a Roma, dove nacque la bevanda, non potete perdere questi posti per gustarla: Grattachecca della Sora Lella a via di Porta Cavalleggeri, un luogo tradizionale per i romani dove la signora Maria diletta i consumatori con preziosi consigli; Alla Fonte d’Oro- Grattachecca dal 1913 a lungotevere Sanzio angolo Trastevere: offre tanti gusti e la possibilità di gustare la granita seduti su comode sedie. Sora Mirella si trova invece su lungotevere degli Anguillara e porta avanti un lavoro di secoli. Specialità è il lemoncocco.

Molto buoni anche Chiosco Testaccio a via Giovanni Branca, e il Tempio della grattachecca aperto tutto l’anno. Si trova nella zona dell’Ara Paris proprio di fronte al Tevere. Non vi resta che scegliere e provare!