Waze, sapevi che funziona anche senza connessione? Ecco il trucco da provare subito

Ci sono molte differenze tra Google Maps e Waze, ma una delle più importanti riguarda la navigazione offline.

Sono diverse le similarità che accomunano Google Maps e Waze, ma ci sono alcune differenze sostanziali tra le due applicazioni.

waze
Foto da @405_improvement

Prima fra tutte, la reperibilità delle mappe offline. Infatti, mentre queste sono pienamente supportate in Google Maps, mancano del tutto in Waze, poiché l’applicazione richiede una connessione a Internet per funzionare. Tuttavia, questo non significa necessariamente che Waze non possa essere utilizzato in modalità offline.

Waze offline come funziona?

Prima di addentrarci nella modalità online, scopriamo come funziona Waze. Come probabilmente già sapete, è un’applicazione che si basa su un motore di crowdsourcing. Questo significa che sono gli utenti a contribuire alla maggiora parte dei dati reperibili sulla stessa app.

applicazione navigazione
Foto da @marketingbranding

Una volta che qualcuno segnala un autovelox, per esempio, tutti gli altri automobilisti il cui percorso passa per la stessa località ricevono un avviso che segnala la presenza di un autovelox lungo la loro strada. Lo stesso vale per tutte le altre segnalazioni di Waze, che si tratti di incidenti, ingorghi, incidenti stradali, veicoli fermi sulla strada e così via. Inoltre, Waze genera automaticamente dati se si mantiene l’app in esecuzione. Se questa è aperta sullo schermo, può raccogliere informazioni come la velocità media, la direzione di svolta e altri dettagli. Però, come potete immaginare, tutti questi elementi richiedono una connessione a Internet. Waze raccoglie i dati e li carica sui server, dopodiché invia le informazioni elaborate agli altri utenti.

In base alle segnalazioni ricevute, può generare percorsi migliori, per cui è obbligatoria una connessione alla rete dati attiva. Google Maps, invece, consente agli utenti di scaricare mappe appositamente per l’uso offline. Si tratta di una delle sue funzioni essenziali, che consente di raggiungere una destinazione in modo più comodo anche quando non è disponibile una connessione a Internet. Per quanto riguarda Waze, le mappe offline non sono disponibili, ma è comunque possibile utilizzare l’app senza una connessione a Internet. Tuttavia, è obbligatorio impostare la destinazione quando è disponibile una connessione a Internet.

In altre parole, se si desidera utilizzare l’app in modalità offline, è necessario configurare il percorso quando si è ancora online. Questo non dovrebbe essere necessariamente un problema poiché è possibile utilizzare la rete Wi-Fi di casa o persino un hotspot pubblico. Una volta configurato il percorso, si può benissimo andare offline perché l’app continuerà a fornire la navigazione di base.  Tuttavia, Waze continuerà a guidarvi lungo il percorso configurato fino al raggiungimento della destinazione. Per molti versi, la navigazione di base di Waze è simile alle mappe offline di Google Maps, in quanto vengono fornite solo le informazioni essenziali. Se questo funziona per voi, allora Waze può benissimo essere un sostituto di Google Maps.