Gatto nasce con 6 zampe e rischia la soppressione: l’incredibile storia del piccolo Eni

È una storia che ha dell’incredibile quella che arriva da Treviso e che è stata raccontata dalla sezione locale dell’Enpa: un gatto è nato con 6 zampe ed è stato sottoposto ad una delicata operazione unica nel suo genere

Si chiama Eni, ha pochi mesi di vita ma ha già dovuto affrontare un’operazione incredibilmente complessa, mai prima d’ora eseguita in Italia. La storia è allo stesso tempo commovente ed incredibile ed è stata la sezione dell’Enpa di Treviso, alla quale si è rivolto un giovane per chiedere aiuto, a raccontarla. Il micio è venuto al mondo con sei zampe, quattro delle quali quattro posteriori, e la madre lo avrebbe abbandonato subito dopo il parto, probabilmente a causa dell’anomalia con la quale è nato.

La sua seconda vita
Gattino nasce con sei zampe, un 22enne e l’Enpa lo salvano e fanno operare

Ma non solo perchè i proprietari erano intenzionati a farlo sopprimere. Un 22enne originario di Montebelluna e studente di veterinaria ha contattato l’Enpa dopo essersi trovato nell‘ambulatorio nel quale si trovava il micio ed aver visto in quale situazione versava, decidendo di portarlo via con sè; l’Enpa si è immediatamente attivato in primis per trovare una sistemazione momentanea per il gatto, ancora troppo piccolo per poter essere operato, ed in seguito per trovare un veterinario che fosse disposto ad effettuare l’operazione, mai eseguita prima nel Belpaese.

Gattino nasce con sei zampe, un 22enne e l’Enpa lo salvano e fanno operare

Dall’Enpa la volontaria Valentina Perin ha infatti spiegato: “Venuti a sapere della situazione ci siamo subito messi in moto. Abbiamo dovuto aspettare che raggiungesse i 4 mesi e, in seguito, ci siamo rivolti ad uno dei nostri veterinari di Spresiano, il dottor Marco Martini che, insieme al dottor Gianluca Magli, chirurgo ortopedico di fama nazionale, gli ha effettuato una TAC scoprendo che i due arti in più, quelli morti, erano quelli posteriori. E’ stata subito programmata l’operazione, durata più di due ore: si è trattato di qualcosa di molto raro, mai effettuato prima in Italia”.

La donna è impegnata sin dal 2005 nell’assistenza di animali in difficoltà in particolare nelle zone di Conegliano e Cornuda, ed è stata lei a spiegare che l’operazione avvenuta venerdì scorso ha evuto esito positivo e che ora il piccolo Eni “potrà vivere come i suoi simili”.

Salvato da un 22enne e dall'enpa
L’operazione è durata 2 ore ed è andata a buon fine

Il piccolo Eni e la sua seconda vita

La storia di questo gattino aveva commosso tutti lo scorso marzo e quello che inizialmente sembrava possibile ed irrealizzabile è invece stato portato a compimento. Per Eni ha ora inizio, terminato il periodo di riabilitazione, una seconda vita: “Oggi il gattino sta bene, è stato affidato alle cure di una signora, Loredana, residente nella Marca che, con grande cuore, aveva risposto all’appello per prenderlo in affidamento”.

“Noi stessi, seppur abituati ad avere contatti con animali, ci siamo stupiti di quanto positivamente abbia risposto il piccolo. Gioca e sta in compagnia dell’altro gatto di proprietà della signora, sembra non sia accaduto nulla. A parte qualche controllo futuro, non saranno necessari altri interventi e potrà vivere una vita come tutti i suoi simili a quattro zampe. Il nostro ringraziamento va a tutte quelle persone che, ogni giorno, si mettono a disposizione e, senza nulla in cambio, ci aiutano”.