Avvistano un cadavere sulla spiaggia, decine di bagnanti terrorizzati – la verità è un’altra…

Quando l’hanno visto, in preda al panico, hanno immediatamente allertato le forze dell’ordine giunte sul posto in una manciata di minuti. Ma quello che credevano essere un cadavere era in realtà ben altro

Hanno notato il corpo di una giovane donna in spiaggia mentre stavano facendo una passeggiata o si stavano rilassando al sole. I bagnanti e la gente del posto, increduli e terrorizzati, hanno chiesto aiuto chiamando le forze dell’ordine perchè davanti a loro, senza alcun vestito addosso, c’era quello che tutti credevano essere un cadavere, con tutta probabilità il corpo di una donna uccisa da qualcuno prima di essere trascinata sulla spiaggia. Ci troviamo nel distretto di Bang Saen, a Chonburi, nella Thailandia orientale: è qui che, arenato sul bagnasciuga, c’era il presunto cadavere che ha fatto accorrere agenti di polizia e paramedici pronti a dover cercare indizi di un probabile caso di omicidio.

La verità era un'altra
Cadavere in spiaggia? Molta paura ma non è come sembra

Cadavere in spiaggia? Molta paura ma non è come sembra

Nessuno fino a quel momento tra i bagnanti e i residenti, si era avvicinato al corpo, da una parte perchè terrorizzati, dall’altra su specifica indicazione delle forze dell’ordine, perchè nessuno andasse a rimuovere o modificare eventuali indizi che avrebbero potuto ricondurre ad un eventuale killer. Dunque l’alta tensione è rimasta fino all’arrivo delle forze dell’ordine e solo in quel momento è emersa una verità che sicuramente nessuno si aspettava. Quello fermo sulla spiaggia non era un cadavere ma qualcosa di ben differente e di ‘non umano’.

Si trattava infatti di una bambola del sesso realizzata interamente in silicone, un prodotto molto costoso perchè solitamente costruito su misura e curato nei minimi dettagli per assomigliare il più possibile alla ragazza o alla donna dei sogni del cliente che l’ha commissionata. E quindi tale da ingannare dozzine di persone facendo loro credere di trovarsi dinnanzi ad una vera emergenza.

Era arenata sulla spiaggia
L’appello al proprietario: “Se vuole può recuperarla”

L’appello al proprietario: “Se vuole può recuperarla”

Gli ufficiali presenti sulla scena hanno identificato il corpo misterioso come una bambola del sesso iperrealistica dal Giappone, un pezzo marchiato “AV idol”. Un portavoce della polizia distrettuale di Bang Saen ha dichiarato: “Il 18 agosto 2022, le squadre di soccorso sono state informate che le persone sulla spiaggia sono rimaste scioccate nel vedere una giovane donna nuda e priva di sensi sulla spiaggia.

Gli agenti si sono quindi precipitati a controllare e da lontano hanno visto una donna piccola e parzialmente priva di indumenti. La sua testa era scomparsa ed il sedere era esposto. Abbiamo controllato su internet accertando che costano circa 20mila baht, circa 560 euro. Riteniamo che la bambola sia stata scaricata in un fiume o in un canale prima di entrare in mare e arenarsi sulla sabbia. Ora è stata rimossa per evitare che spaventasse i turisti. Se il proprietario vuole recuperare la sua bambola, può andarla a prendere alla stazione della squadra di soccorso.”