Un bicchiere di whisky e qualche flessione: svelati gli assurdi rituali degli attori sui set bollenti

Le scene più “hot”, si sa, non sono sempre una passeggiata, anche per gli attori “più temprati”: ecco come scaricano la tensione sul set

La bravura di certi attori va oltre l’immaginabile: per quanto per molti sia scontato, non sempre per loro risulta semplice interpretare certe tipologie di scene. In particolare, sono le parti più “bollenti” a creare non poca difficoltà: ecco come alcuni professionisti superano “l’ansia da prestazione”, seppur non nel classico modo in cui s’intende di solito…

scena sesso film
Foto da Canva

In merito a questo argomento, come non citare gli attori della nota trilogia 50 sfumature! Jamie Dornan, che interpreta Christian Grey e Dakota Johnson, nei panni di Anastasia Steele sanno bene cosa vuol dire girare una scena “più spinta” del solito.

I tre film in questione, in ordine 50 sfumature di grigio, rosso e nero, narrano proprio della storia d’amore tra i due ragazzi, estremamente diversi tra loro e, di conseguenza, in difficoltà nell’instaurare un equilibrio nel vivere la relazione.

Ecco cosa fanno gli attori prima di girare le scene più “hot”

Come è ben noto, tra il fascinoso imprenditore Christian Grey e la studentessa Anastasia Steel si è instaurata subito un’intesa fortissima e, nonostante le varie incompatibilità di fondo, non riescono proprio a stare lontani. Motivo per cui ricorrenti sono tra loro gli incontri bollenti sotto le lenzuola. Ma come li affrontano, nella realtà, gli attori che li interpretano?

attori film 50 sfumature
Foto da Instagram

A darci piccoli retroscena in merito è il sito Internet Movie Data Base: sulla base delle loro info, entrambi gli attori avevano un loro singolare e personale modo di “allentare la tensione” prima di girare una scena hot.

In primis, la bellissima Dakota Johnson, prima di una scena di sesso particolarmente spinta, decideva di bere un bicchiere di whisky per rilassarsi un po’. Allo stesso modo, Jamie Dornan cercava di distendere i nervi, ma si buttava sullo sport.

L’attore, infatti, si scaricava facendo delle flessioni: un modo utile per allenare il corpo e liberare la mente da eventuali pensieri negativi o disagianti che potevano subentrare al momento di girare la scena in questione.

Dopo aver praticato queste attività in solitudine, gli attori si rincontrava per fare delle lunghe conversazioni per decidere di comune accordo come girare le scene di sesso, tenendo sempre e comunque conto delle indicazioni generali del regista. 

Solo così gli attori riuscivano a sentire la scena di sesso come “lavorativa” senza provare troppi imbarazzi. In tal senso, inoltre, vennero realizzate ed utilizzate alcune particolari “protesi” per coprire le parti intime degli attori ed evitare che entrassero in contatto.