L’ultima volta sul set con Benigni, cinema in lutto: è morta la famosa diva italiana | Chi era

Non ha avuto figli ma a darle l’ultimo saluto, stretti attorno a lei, c’erano i nipoti. Il mondo del cinema italiano è in lutto e perde una colonna portante

Ha avuto una carriera lunga ed intensa, alternandosi tra il mondo del cinema, quello della televisione e quello del teatro. Tanto che sarebbe difficile riassumerla tutta in poche righe. E si è spenta nelle ultime ore lasciando un grande vuoto ai suoi numerosi fan, appassionati delle pellicole nelle quali ha recitato.

Aveva 95 anni
Morta Lydia Alfonsi, si spegna una colonna portante del cinema italiano

Sono momenti di lutto per il cinema tricolore che perde “la diva del bianco e nero”, una star amata da tutti deceduta nella giornata di mercoledì 21 settembre circondata dall’affetto della sua famiglia. Pur non avendo avuto figli, al suo capezzale c’erano infatti i nipoti, stretti attorno a lei per darle l’ultimo saluto.

Morta Lydia Alfonsi, si spegna una colonna portante del cinema italiano

Nata a Parma il 27 aprile del 1928, Lydia Alfonsi aveva 94 anni ed è scomparsa proprio nella sua città natale. Era considerata un’attrice poliedrica dal momento che all’inizio della sua carriera aveva lavorato con il gruppo teatrale “Gioventù studentesca” iniziando a recitare proprio a Parma per poi proseguire con la filodrammatica “Gli amici della prosa”. Con “Il piacere dell’onestà” di Pirandello aveva iniziato a farsi notare riuscendo a conquistare un premio come miglior attrice in un concorso a Pesaro.

Venne dunque notata dal regista Anton Giulio Bragaglia che la volle con sè sul set permettendole così di esordiere, nel 1946, come attrice di cinema nel film “Anna Christie”. Ha recitato in oltre 23 film per il cinema, quindici tra film, serie e miniserie per la televisione ed è stata dozzine di volte a teatro con diversi ruoli drammatici. La sua carriera, inoltre, ha toccato anche la prosa televisiva e quella radiofonica oltre ad essere stata anche doppiatrice e scrittrice e aver scritto poesie.

Il suo ultimo film, La Vita è Bella di Benigni

Per quanto riguarda i suoi ruoli, ha recitato in vari tipi di pellicole passando agevolmente dal western al drammatico, dal romantico ai grandi classici. Ma tutti la ricordano per i suoi meravigliosi sceneggiati in bianco e nero. Tanto che per la sua interpretazione nello sceneggiato televisivo del 1964 Mastro Don Gesualdo, è stata premiata con la Maschera d’argento. E per la sua ultima apparizione in un film ovvero La vita è Bella di Roberto Benigni del 1997 dove interpretava l’editrice Guicciardini.

Un altro riconoscimento, come migliore attrice televisiva italiana, lo ha ricevuto dalla critica francese nel 1970. E come dimenticare poi che Lydia Alfonsi è stata insignita del titolo di Grand’Ufficiale della Repubblica Italiana dal presidente Sandro Pertini.

Un'attrice di tv, cinema e teatro
Il suo ultimo film, La Vita è Bella di Benigni

Le tristi parole del nipote Alberto Ghirarduzzi

“Generosa ma provata dal dolore. Sono state queste le parole rilasciate alla Gazzetta di Parma, da Alberto Ghirarduzzi, figlio della sorella Marcella, scomparsa nel 2006. Esprimendo così il dolore per la scomparsa dell’amata zia.