Cosa fare per cercare lavoro nel 2022

Nel 2022 cercare lavoro può sembrare più semplice rispetto al passato, grazie all’avvento di internet; basta infatti andare su un portale per annunci di lavoro e mandare varie candidature. Eppure, ottenere una risposta e un’assunzione non è così semplice come si possa pensare. È necessario agire seguendo una strategia e puntando molto sulle proprie qualità personali.

annuncio di lavoro imbarazzant

In questo articolo vi offriremo consigli su come sostenere una ricerca di lavoro senza incappare in errori.

Definisci la tua reputazione online

Se da una parte internet agevola l’accesso a proposte di lavoro, dall’altra mette a disposizione delle aziende e delle risorse umane la possibilità di inquadrare una persona prima ancora di rispondere alla sua candidatura. I social network ormai rappresentano una vera e propria vetrina da consultare, perciò bisogna sfruttarla al meglio:

  • Aggiungere al profilo Linkedin le esperienze e competenze professionali, insieme ai corsi formativi seguiti;
  • Fare sempre attenzione a cosa si scrive nei propri post, oltre che alle foto e ai video che si pubblica. Ricordare sempre che le persone possono vedere e farsi una loro idea di chi si è in base a come ci si presenta;
  • Non creare una falsa identità, ma un’immagine coerente con ciò che il curriculum dice a livello professionale.

Creare una buona reputazione online è molto importante, in quanto il mondo del lavoro diventa sempre più digitale e le esperienze possono essere condivise con tutti.

Definisci quale ruolo cercare

Un errore che molti commettono nel cercare un nuovo lavoro è quello di mandare candidature ad annunci di vario tipo, senza selezione, nella speranza di una risposta celere. Le aziende non selezionano più lavoratori generici, ma cercano personale qualificato.

Bisogna fare una ricerca mirata nel settore di propria esperienza o dove si è conseguita una formazione importante. Quando si va a fare il colloquio, le risorse umane vorranno parlare soprattutto di questo.

Se si è alle prime armi e non si ha abbastanza esperienza lavorativa che mostri le proprie qualità, si possono indicare sul CV tutte le attività extra scolastiche e di volontariato che si sono svolte negli anni. Servizio civile, stage, tirocini o vacanze studio all’estero e workshop sono tutte esperienze che mostrano il proprio percorso professionale.

Usa LinkedIn

Creare e mantenere attivo un profilo LinkedIn oggi è fondamentale. È il social del lavoro per eccellenza, perciò aiuterà a mettersi in contatto con aziende e figure professionali. È anche uno strumento che funziona in maniera inversa: molte aziende fanno una ricerca del personale tramite LinkedIn, perciò è bene curare il proprio profilo e mostrare chiaramente quali ruoli si può ricoprire, così da attirare datori di lavoro.

Non smettere di formarti

Tenersi costantemente aggiornati e seguire workshop e laboratori formativi è sempre una buona cosa. Ci sono statistiche che confermano che chi studia e si forma nel tempo, grazie alle nozioni apprese, avrà una maggiore versatilità nella ricerca del lavoro. In particolare, formarsi sull’inglese e le lingue straniere è ormai essenziale.